Exploit Lazzarini: Carvens ok a Dueville

Nonostante qualche sofferenza e rischio di troppo, il Carvens Albignasego allunga a Dueville la sua striscia positiva e tiene nel mirino le prime posizioni della classifica. Contro lo Sportschool, i gialloneri colgono il loro quarto successo consecutivo, registrano il record stagionale di punti segnati, recuperano il capitano Pietro Scarpa e godono della migliore perfomance stagionale di Corrado Lazzarini. E adesso le prospettive in chiave playoff diventano più rosee. La crisi di ottobre sembra ormai alle spalle, ma occorre sempre mantenere alta la guardia.

REGISTA. Ordinato, preciso e ispirato, Lazzarini- complice l’assenza dell’infortunato Marco Nanti – ha amministrato da solo il gioco degli ospiti fornendo una prestazione ricca di fosforo e sostanza. Il suo contributo alla causa s’innesta all’interno di una prova corale, dove Albignasego senza tirare con percentuali eclatanti ha saputo comunque selezionare le sue conclusioni. Una scelta che ha pagato soprattutto verso il finale di gara, quando i vicentini si sono rifatti sotto spaventando la formazione di Paperini.

QUATTRO TRIPLE. Grazie infatti a tre bombe di Ronzani e una di Cervo, lo Sporstchool tra terzo e ultimo quarto ha acciuffato il suo primo vantaggio del match siglando un +2 (57-55), che ha fatto temere il peggio alla compagine patavina. Il Carvens, però, ha respinto l’assalto dei locali riagganciando a 1’40” dal termine il +4 (63-67) sfruttando una penetrazione di Lazzarini. A decidere le sorti dell’incontro è stato poi un fallo tecnico fischiato al tecnico del Dueville Paolo Zucchi, reo di aver deriso l’arbitro Pellizzon dopo un fallo veniale ai danni di Dario Zulian. Dalla lunetta l’ala-pivot albignaseghese ha realizzato tre dei quattro liberi a disposizione, che hanno regalato il 63-70. I padroni di casa si sono allora affidati al fallo sistematico bloccando tuttavia inutilmente il cronometro. Un ultimissimo libero di Scarpa è stato utile soltanto a sancire il 63-71 di fine partita.

DISAMINA TECNICA. Gli albignaseghesi, che avevano sempre condotto le danze guidati dal suddetto Lazzarini, ma anche dai lunghi Francesco Nanti e Zulian, hanno accusato una battuta a vuoto soltanto all’inizio della quarta frazione. Perso Stefano Zago per uno stiramento alla coscia, sul lungo periodo sono però riaffiorati i nervi saldi dei gialloneri. Dalla parte opposta, pur avendo ceduto nella sessione di mercato estiva Gasparotto e Faye, lo Sportschool resta un gruppo giovane e competitivo, che fa dell’aggressività e dell’intensità offensiva e difensiva il suo marchio di fabbrica. «Abbiamo scelto bene i tiri dalla media distanza – analizza coach Paperini – Da tre, invece, non abbiamo tirato tantissimo perché Dueville ci concedeva pochissimo spazio. In attacco è importante segnare: quando superiamo quota 70 riusciamo spesso e volentieri a vincere le partite».

Adesso, il calendario riserva ad Albignasego una sfida casalinga (almeno sulla carta) abbordabile con il Virtus Riva, prima dello scontro diretto contro la Trevigiana e del derby alla Gozzano con il Petrarca.

 

Il tabellino: SPORTSCHOOL-CARVENS 63-71

SPORTSCHOOL DUEVILLE: Trevisan 12, De Pretto 2, De Marco 5, Shcherbyna 4, Ronzani 11, Gugole, Frigo 6, Bortoli 2, Fontana 4, Santin, Borgo 7, Cervo 10. All. Zucchi.

CARVENS ALBIGNASEGO: Sguotti n.e., Scarpa 8, Lazzarini 25, Suman 6, Lorenzi 4, Nanti F. 8, Collura n.e., Zulian 18, Zago, Vizzotto 2. All. Paperini.

Arbitri: Pellizon di Noale (Ve) e Rizzo di Spinea (Ve).

Note: parziali: 9-21, 24-36, 46-53. Tiri liberi: Dueville 8/12, Albignasego 18/26. Usciti per 5 falli: De Marco, Suman. Fallo tecnico a Zucchi (38’).