Zona Carvens: Albignasego espugna il campo della Trevigiana

Dallo scivolone interno all’impresa esterna, il passo è breve. Con una prestazione determinata e sagace, Albignasego vince in casa della Trevigiana agganciando in classifica i cugini del Malvestio Noventa a quota 16. Un successo indispensabile alla rincorsa verso i playoff, ma utile anche a preparare il “terreno” in vista del derby di sabato contro il Petrarca.

SOLO LIBERI. L’avvio equilibrato lasciava presagire una gara sofferta, ma il break del secondo periodo ha tracciato un primo solco assegnando l’egemonia del match ai padovani. In realtà, proprio durante questo frangente di gara, i padroni di casa hanno denotato una certa difficoltà in attacco segnando la metà dei loro punti soltanto dalla linea della carità. E lo stesso è accaduto nel quarto successivo quando gli uomini di Fabrizio Geromel hanno insaccato 8 dei 9 liberi a disposizione. Come accaduto con il Virtus Riva, gli albignaseghesi hanno raggiunto il bonus in un amen spedendo in lunetta i trevigiani. La maggior parte dei falli, però, è stata originata da falli commessi su azioni “morte”. Nella ripresa, la difesa a zona 3-2 di coach Paperini ha scompaginato i piani della Trevigiana, che ha perso progressivamente contatto subendo un parziale di 10-18.

ULTIMI BOTTI. Partita finita? Niente affatto perché a metà dell’ultima frazione, 2 bombe di Botti e una dell’ex petrarchino Pravato riaprivano i giochi. Con Corrado Lazzarini, Francesco Nanti, gravati di 4 falli, e Dario Zulian out per 5 falli, a 2’38’’ dalla sirena, Giomo e soci acciuffavano il -9 (50-59). Ma si trattava fortunatamente soltanto di un fuoco di paglia, che il Carvens sapeva presto spegnere mettendo in ghiaccia l’incontro.

"Franz" Lorenzi, 38 anni, (foto RovigoOggi.it)

TOP e FLOP. L’assenza del capitano Pietro Scarpa, che domani si sottoporrà a risonanza magnetica per definire l’esatta entità dell’infortunio al ginocchio, unita a quella di Stefano Zago e alle precarie condizioni fisiche di Marco Nanti, non hanno inficiato la prestazione collettiva. Ben più influenti, l’indisponibilità di Giordano, Toniolo e l’apporto nullo del lungo Zanardo in giornata negativa sulla sponda trevigiana. Tra i più in palla del Carvens, oltre al play Lazzarini tornato agli standard della scorsa annata, i pivot Zulian (implacabile dalla media distanza) e Francesco Lorenzi (peraltro in dubbio fino all’ultimo).

“ZIO” PAPERINI. «Una bella vittoria che rafforza la nostra fiducia – commenta il tecnico dell’Albignasego, Toni Paperini – Abbiamo potuto contare su un discreto attacco, ma a differenza della precedente partita con Riva del Garda, che ha giocato in modo rapido e aggressivo, siamo stati in grado di mettere in difficoltà la Trevigiana con un’efficace difesa a zona».

 

Il tabellino: CAVIRO TREVIGIANA-CARVENS ALBIGNASEGO 50-65

TREVIGIANA: Cappellazzo 4, Valenti n.e., Cescon 7, D’Andrea 7, Pravato 3, Giomo 7, Palù n.e., Botti 8, Zanardo, Bordignon, Dozzo 14. All. Geromel.

ALBIGNASEGO: Sguotti n.e., Nanti M. 7, Lazzarini 14, Suman 5, Lorenzi 9, Nanti F. 6, Collura 3, Martinello n.e., Zulian 13, Ferro n.e., Vizzotto 8. All. Paperini.

Arbitri: Marconato di Vedelago (Tv) e Fighera di Istrana (Tv).

Note: parziali: 13-15, 21-29, 31-47. Tiri liberi: Trevigiana 19/23, Albignasego 17/26. Tiri da tre: Trevigiana 3 (Botti 2, Pravato 1), Albignasego 5 (Lazzarini 1, Suman 1, Collura 1, Vizzotto 2). Falli di squadra: Trevigiana 25, Albignasego 25. Fallo tecnico a Cescon (13’). Uscito per 5 falli: Zulian.