Albignasego ancora prolifico: quota 95 per affossare l’Alto Garda

Albignasego agguanta anche la terza vittoria consecutiva con la Virtus Alto Garda, lasciandosi alle spalle il trittico da incubo d’inizio campionato. Al Pala Gazzabin, i gialloneri confermano di attraversare un gran momento di forma in fase offensiva, tirando con altissime percentuali dal campo (11/22, 50% dall’arco). Dopo aver raggiunto i 100 con il Ponzano, la squadra di Maurizio Benetollo mette a referto 95 punti contro la giovane compagine gardesana, beneficiando della vena realizzativa dei suoi esterni.

Mattatore del match, tra i padroni di casa, è stato senza dubbio Marcello Berti (nella foto di Ilaria Malerba), che ha ingaggiato un duello a suon di canestri con il talentuoso Andrea Bernardi, prodotto dell’Aquila Trento. Nel primo tempo, è stato proprio il giovane trentino a creare i maggiori grattacapi alla difesa locale realizzando 20 punti nei primi 20’ di gioco. Sono suoi i tre liberi, che permettono ai trentini di accorciare il gap a -5 sulla sirena dell’intervallo lungo (45-40).

Al ritorno in campo, Albignasego sistemava le marcature e piazzava una zona 2-3 indecifrabile per gli ospiti scavando il solco con un parziale eloquente (32-10). Nell’ultima frazione, trovavano spazio tutti i giocatori a referto, tranne Marco Nanti: il play, ancora dolorante alla spalla, dovrà sottoporsi nei prossimi giorni a un’ecografia per appurare l’entità dell’eventuale danno e i tempi di recupero.

 

ALBIGNASEGO BASKET – VIRTUS ALTO GARDA 95-70

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi, Berto 15, Nanti M. n.e., Paccagnella 5, Nanti F. 10, Livio 12, Fabian 1, Berti 26, Gallocchio 2, Vigna 10, Vizzotto 14. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

VIRTUS ALTO GARDA: Hainzl, Pace n.e., Lever 8, Bumbli 5, Trivarelli 6, Madella n.e., Tobaldi, Maci 5, Lovisotto 8, Gambino 4, Bernardi 34. All. Gabrielli.

Arbitri: Maculan di Grumolo delle Abbadesse (Vi) e Baldo di Albaredo d’Adige (Vr).

Note: progressivi: 28-16, 45-40, 77-50; tiri liberi: Albignasego 13/21, Alto Garda 12/16; tiri da tre: Albignasego 11 (Berto, Nanti F., Berti 5, Vizzotto 4), Alto Garda 5 (Bumbli, Trivarelli 2, Maci, Bernardi).

Albignasego va a 100 all’ora: primo squillo in trasferta con Ponzano

Sul campo di San Vendemiano, Albignasego trova il primo acuto in trasferta toccando quota 100 con Ponzano. Smossa la classifica nel precedente turno di C Silver con la prima affermazione a spese del Resana, i ragazzi di Maurizio Benetollo concedono subito il bis al cospetto della squadra dello “zar” Ivan Gatto (ex Petrarca). Attacchi ispirati e percentuali di tiro generose su ambo i lati del campo, hanno dato vita a una partita spettacolare.

Nella prima frazione, gli ospiti hanno tenuto il naso avanti (25-30), sospinti da Sebastiano Berto, che ha firmato 13 dei suoi 21 punti soltanto nei primi 10’. Prima dell’intervallo lungo, però, la neopromossa formazione trevigiana ha ribaltato il risultato sfruttando alcune ingenuità difensive dei gialloneri (51-47). Con la gara sui binari dell’equilibrio (71-71), sono stati gli esterni dell’Albignasego, ancora privo del play Marco Nanti (spalla), a fare la differenza dal perimetro (11/23 da tre), portando in dote il +9 e vanificando il tentativo di rimonta del Ponzano.

 

PONZANO BASKET – ALBIGNASEGO BASKET 97-100

PONZANO BASKET: Prandini n.e., Lena 14, Pozzebon 14, Alberti 16, Gatto 19, Cappellazzo 4, Ricciardi 2, Alpago 9, Groppo 5, Bet 14. All. Osellame.

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi 2, Berto 21, Nanti M. n.e., Nanti F. 13, Livio 13, Fabian 2, Berti 24, Gallocchio 6, Vigna 10, Vizzotto 9. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Pinna di Salgareda (Tv) e Rebellato di Crespano del Grappa (Tv).

Note: progressivi: 25-30, 51-47, 71-71; tiri liberi: Ponzano 22/28, Albignasego 17/26; tiri da tre: Ponzano 5 (Lena, Pozzebon 2, Gatto, Bet), Albignasego 11 (Berto 3, Nanti F., Berti 3, Gallo 2, Vizzotto 2).

Sabato l’Albignasego è atteso a San Vendemiano al cospetto del Ponzano

Sboccata la classifica con il primo urrà in campionato, Albignasego va a caccia anche del successo in trasferta con la neopromossa Ponzano. Sabato, alle 20.45, i gialloneri saranno di scena al palasport di via Aldo De Gasperi a San Vendemiano per incrociare la formazione, che la passata stagione ha dominato in serie D, conquistando l’aritmetica promozione in C Silver con un filotto record di 24 vittorie consecutive. Merito di un roster già attrezzato per la categoria superiore, dove brilla un giocatore di livello assoluto: lo “zar” Ivan Gatto.

Nelle prime quattro giornate, il mezzo lungo (classe 1978), ex fra le tante anche di Treviso e Petrarca, ha confermato di non aver perso lo smalto del fuoriclasse, viaggiando a 17 punti di media a gara. Nel quintetto di Filippo Osellame, che ha preso le redini lasciate da Filippo Campagnolo, è decisamente il valore aggiunto, ma non è l’unico punto di forza.

Salutato il playmaker Michele Gherardini, la società trevigiana ha riassestato il reparto esterni con la guardia Michele Pozzebon, visto all’opera la passata stagione prima con la maglia di Castelfranco e poi con quella di Mestre in C Gold. Nel pitturato, invece, opera Francesco Barzan, reduce anch’egli da una buona annata in C Gold con la Rucker San Vendemiano, promossa in serie B.

Albignasego vede la luce: prima vittoria in campionato con la Virtus Resana

Dopo tre giornate di campionato, Albignasego muove la propria classifica incamerando i primi due punti della stagione, al termine di un incontro dall’andamento imprevedibile contro la Virtus Resana. Al Pala Gazzabin, la tensione palpabile dei primissimi minuti di gioco ha condizionato entrambe le squadre, che hanno iniziato a basso ritmo segnando praticamente con il contagocce. Il primo break di marca trevigiana (8-18) scuoteva i gialloneri, bravi a ricucire lo strappo nel secondo periodo culminato con il sorpasso in prossimità dell’intervallo lungo (27-26).

Dopo una terza frazione equilibrata (17-15), i padroni di casa prendevano il comando delle operazioni pervenendo al +11. Resana, però, non mollava colmando il gap in un amen. La gara veniva così decisa a 2’ dalla sirena: una spettacolare rimessa a tutto campo di Vizzotto lanciava Berti in un contropiede solitario, che valeva il +5; in seguito, da un recupero difensivo e una difesa compatta di squadra, scaturivano i due liberi di Berto (nella foto di Ilaria Malerba), che blindavano a doppia mandata la prima vittoria dei ragazzi di Maurizio Benetollo.

«È stata una partita molto combattuta – commenta il tecnico giallonero – Nel primo quarto, Resana ha trovato facilmente la via del canestro. Poi però siamo riusciti a mettere i nostri avversari in difficoltà con cambi di difesa, alternando zona e uomo. Avevamo raggiunto la doppia cifra di vantaggio a 5’ dal termine, ma hanno saputo attaccare bene la nostra zona, con un paio di bombe di Peroni e facendo valere anche la fisicità a rimbalzo di Marcon. Nel finale, però, siamo riusciti a costruire dei giochi importanti con Livio, Vizzotto, Vigna e Berti, che ci hanno permesso di rimettere il naso avanti. Vincere era fondamentale. Averlo fatto con una prestazione di squadra e senza Marco Nanti, in una situazione di oggettiva difficoltà dove eravamo corti con le guardie, fa sicuramente morale».

 

ALBIGNASEGO BASKET – VIRTUS RESANA 66-59

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi, Berto 11, Paccagnella n.e., Nanti F. 12, Livio 11, Fabian n.e., Berti 12, Gallocchio, Vigna 10, Vizzotto 10. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

VIRTUS RESANA: Tessarin 2, Miatello 2, Bisinella, Nalesso 3, Scapinello 20, Campagnaro 3, Pegoraro, Peroni 13, Dainese 4, Olivetto, Marcon 12. All. Cavalli.

Arbitri: Frigo di Montagnana (Pd) e Pallaoro di Trento.

Note: parziali: 12-19, 15-7 (27-26), 17-15 (44-41), 22-18 (66-59); tiri liberi: Albignasego 8/14, Resana 9/14; tiri da tre: Albignasego 6/23 (Vizzotto 3, Berti 2, Nanti F.), Resana 4/22 (Peroni 2, Scapinello 2).

Albignasego spalanca le porte del Pala Gazzabin per la sfida alla Virtus Resana

Alla sua seconda gara casalinga in campionato, sabato, alle 18.30, l’Albignasego (nella foto Cristiano Gallocchio) dovrà portare a compimento l’impresa soltanto sfiorata a Murano per intascare i primi due punti della stagione. A contendere la vittoria al quintetto giallonero questa volta sarà la Virtus Resana. Dopo due battute d’arresto nelle prime due giornate di C Silver, sabato scorso la compagine di Massimo Cavalli ha messo in cascina la prima vittoria stagionale a spese del Litorale Nord (68-57).

Principale artefice dell’affermazione trevigiana è stato senza dubbio Matteo Scapinello, autentico mattatore della sfida con 27 punti a referto e fresco di laurea conseguita in settimana all’Università di Padova. Scapinello è uno dei tanti riconfermati in blocco della società della Marca, che ha operato in maniera oculata sul mercato ripartendo dal nucleo, capace di ben figurare la passata stagione centrando l’accesso ai playoff.

Con il ritorno della guardia Enrico Baldissera dal Mestrino, Resana ha poi completato il roster con due giovani ali da due metri scuola Petrarca: Giovanni Dainese e Giorgio Peroni, figlio di Gigi, ex capitano del Gorena Petrarca negli anni ’70.

Albignasego rimonta, ma non completa l’opera a Murano

Non si muove ancora la classifica dell’Albignasego, sconfitto anche a Murano nella terza giornata del campionato di C Silver. Sull’isola muranese, i gialloneri sono stati ad un passo dal compiere un’autentica impresa: dopo aver rincorso per 40’, la squadra di Benetollo era riuscita a colmare un deficit piuttosto consistente, ma nel finale di gara la rimonta non è andata in porto.

Dopo una prima metà di gioco molto equilibrata (34-29), i padroni di casa sono scappati a inizio ripresa issandosi a +9 alla fine terzo parziale (55-46). Nell’ultima frazione, però, arrivava la reazione degli ospiti, che rosicchiavano punto su punto riportandosi a stretto contatto. Murano, che fino ad allora aveva sempre fatto l’andatura, ha iniziato a vacillare.

Nell’ultimo minuto di gioco, il testa a testa tra le due contendenti veniva deciso da un episodio a soli 11’’ dalla sirena: senza bonus a disposizione, sul 69-68 a favore dei locali, Albignasego era costretto a forzare i tempi, perdendo malamente il possesso. Berti commetteva fallo antisportivo e la mano dei muranesi tremava dalla lunetta tenendo ancora in vita i gialloneri. Da uno scippo da rimessa, però, il cronometro non concedeva più tempo all’ultimo disperato tentativo di Nanti e compagni (nella foto sopra Alberto Livio).

«Nell’ultimo quarto eravamo entrati dentro la partita – commenta rammaricato Maurizio Benetollo – Peccato perché avevamo l’inerzia dalla nostra parte. Purtroppo non siamo riusciti a concretizzare quell’attacco a 11 secondi dal termine. Pur disputando una buona partita, abbiamo perso troppi palloni e questo è un aspetto sul quale dobbiamo assolutamente migliorare».

 

VIRTUS MURANO – ALBIGNASEGO BASKET 69-68

VIRTUS MURANO: Zorzi 9, Causin 18, Rosada 4, Saoner 4, Sperti 3, Utenti 4, Frison 16, Ragazzi n.e., Fortunati 11, Pavanello n.e., Vianello. All. Romanin.

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi 2, Berto 11, Nanti M. 12, Nanti F. 13, Livio 13, Fabian, Berti 5, Gallocchio, Vigna, Vizzotto 12. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Tondato di Susegana (Tv) e Corrò di Camponogara (Ve).

Note: parziali: 16-12, 18-17 (34-29), 21-17 (55-46), 14-22 (69-68); tiri liberi: Murano 9/23, Albignasego 7/11; tiri da tre: Murano 5 (Zorzi, Causin 2, Frison 2), Albignasego 5 (Berto, Berti, Vizzotto 3); fallo tecnico: Causin (6’), Romanin (30’); fallo antisportivo: Nanti M. (11’), Rosada (20’), Berti (40’); falli di squadra: Murano 10, Albignasego 18.

Albignasego tenta l’assalto all’isola: domenica, trasferta a Murano per i gialloneri

Dopo le prime due gare senza punti, Albignasego proverà a sbloccarsi visitando il difficile campo della Virtus Murano. Domenica, alle 18.30, i gialloneri calcheranno il parquet della palestra “Leo Perziano”, dove si ritroveranno alle prese con un rettangolo di gioco stretto e un ambiente angusto in un clima surriscaldato dall’appassionatissimo tifo dell’isola muranese. Trasferta lunga e apparentemente proibitiva per la formazione di Maurizio Benetollo (foto), che non ha ancora trovato forma e condizione ottimali. L’impresa, però, non è impossibile. Lo dimostra il fatto che proprio la scorsa stagione nel quarto di finale playoff, Albignasego ribaltò il pronostico della serie espugnando in gara-1 proprio il fortino del Murano.

Di fronte, due squadre che hanno cambiato parzialmente fisionomia durante il mercato estivo. La compagine veneziana ha rinnovato anzitutto in panchina con Alessandro Bettera, che ha ceduto il posto di head coach a Marco Romanin, restando però nelle vesti di assistant, assieme a Lorenzo Torcellan. Allo zoccolo duro dei riconfermati, la società muranese ha poi rinforzato il roster con quattro innesti di indubbio valore per la C Silver.

Primo fra tutti, quello del totem 40enne Alberto Causin (ex Petrarca, oltre a Reyer Venezia e Benetton Treviso tra le tante), subito autore di una prova scintillante (27 punti) all’esordio in campionato con il neopromosso Summano. In prossimità del ferro opereranno anche Luca Utenti e Andrea Fortunati, altre due vecchie conoscenze del basket padovano con brevi trascorsi tra Petrarca e Padova 1931. Tra gli esterni, spicca invece Marco Rosada, decisivo con il suo tiro libero a un’inezia dalla sirena, nello scontro diretto di domenica scorsa contro il Litorale Nord (63-64).

All’Energy Day del Pala Gazzabin, Albignasego cede alla fisicità di Verona

All’esordio casalingo, Albignasego resta ancora a secco di vittorie arrendendosi al termine di una sfida accesa e combattuta ad un’arrembante Cestistica Verona. Per ampi tratti di gioco, i gialloneri hanno patito la fisicità degli scaligeri, che hanno dominato la lotta a rimbalzo inquadrando il match sotto la giusta prospettiva. Sotto il profilo del gioco, inoltre, Albignasego è stato penalizzato alla lunga anche dall’assenza per almeno 15’ in cabina di regia del suo play Marco Nanti, costretto ad abbandonare il campo per un colpo alla spalla.

Partiti a ritmo elevato (11-4 al 5’), i padroni di casa hanno condotto le danze nei primi 10’ (18-13), salvo poi subire l’impatto ospite a metà del secondo parziale, quando una bomba di Croce ha pareggiato i conti (27-27 e 4 punti consecutivi del lungo Soave hanno materializzato il sorpasso veronese (27-31 al 15’). Da quel momento, la Cestistica ha sempre mantenuto la testa avanti incrementando il vantaggio alla doppia cifra in avvio di ripresa (36-47 al 25’). Sotto di 12 lunghezze (38-50), gli uomini di Benetollo hanno reagito rientrando sul -4 grazie a due bombe consecutive di Vizzotto verso il tramonto del terzo periodo (46-50 al 27’). Ma all’inizio dell’ultima frazione, la formazione di Zappalà ha impresso lo strappo decisivo, confezionando un break taglia-gambe (0-8) con Damiani, Fabbian e Bovo. Verona ha allungato fino al +14 del massimo vantaggio (59-73 al 36’) e per i gialloneri a quel punto non c’è stato proprio più nulla da fare.

A parziale consolazione della seconda sconfitta in campionato, la grande festa dell’Energy Basketball, andata in scena nel pre-gara, in cui i giocatori della prima squadra si sono intrattenuti con i baby atleti del pool tra sorrisi, autografi e foto di rito.

 

ALBIGNASEGO BASKET – CESTISTICA VERONA 68-77

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi n.e., Berto 16, Nanti M. 5, Paccagnella n.e., Nanti F. 4, Livio 10, Fabian 4, Berti 10, Gallocchio, Vigna 10, Vizzotto 9. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

CESTISTICA VERONA: Bovo 3, Sesta n.e., Ziliani 6, Pacione 2, Croce 15, Fabbian 5, Zenegaglia 2, Soave 21, Damiani 14, De La Rosa n.e., Bertani 9. All. Zappalà.

Arbitri: Langaro di Arzignano (Vi) e Castello di Sarcedo (Vi).

Note: parziali: 23-19, 34-42 (11-23), 53-56 (19-14), 68-77 (15-21); tiri liberi: Albignasego 9/11, Verona 13/23; tiri da tre: Albignasego 7 (Berto 3, Nanti M.,Vizzotto 3), Verona 8 (Bovo, Ziliani, Croce 4, Fabbian, Bertani); falli di squadra: Albignasego 19, Verona 18; fallo tecnico: Berti (23’ sul 36-46); usciti per 5 falli: Nanti F. e Livio.

Albignasego-Verona, subito un big match per l’esordio casalingo al Pala Gazzabin

Scocca l’ora anche del debutto casalingo per l’Albignasego: sabato, alle 18.30, la prima stagionale al Pala Gazzabin proporrà ai gialloneri subito una sfida di cartello contro la Cestistica Verona. Seconda classificata nell’ultima regular season e prima testa di serie dei playoff, la formazione scaligera gode ancora dei favori del pronostico per l’assalto alla C Gold, forte di un’intelaiatura rodata e consolidata. Confermati in toto i giocatori del roster, assieme al tecnico Matteo Zappalà, la Cestistica ha iniziato il suo campionato di C Silver, aggiudicandosi tra le mura amiche lo scontro diretto con il Litorale Nord (66-61), che ha confermato l’affidabilità e la consistenza del suo tandem di lunghi, composto da Mario Soave (11) e Nicolò Damiani (14).

energy_basketSconfitto all’esordio in Trentino, Albignasego cercherà di rifarsi anche davanti a un pubblico formato perlopiù da atleti delle giovanili del neo pool Energy Basket, che opera nel quadrante sud della provincia a Padova (Albignasego, Casalserugo, Due Carrare e Maserà). Per l’occasione, il palasport di via Torino si vestirà a festa con alcune iniziative collaterali alla partita. Ai bambini e ragazzi, che verranno ad assistere alla gara con i veronesi, a partire dalle 17.30, verranno distribuiti i quaderni dei “baskettari” (fino ad esaurimento) e fino alle 18 i giocatori della prima squadra giallonera resteranno a disposizione per autografi e foto con grandi e piccoli tifosi.

Albignasego rimedia un ko al debutto, il Cus Trento si aggiudica i primi due punti

Parte in salita il campionato 2016-2017 dell’Albignasego. Dalla lunga trasferta in Trentino, i gialloneri tornano a casa a mani vuote, lasciando i primi due punti della stagione al Cus Trento. Con le rotazioni accorciate dalle assenze di Mauro Belinazzi e Giacomo Paccagnella e dalla rinuncia a Luca Fabian rimasto soltanto in panchina, la formazione di Maurizio Benetollo ha tenuto bene il ritmo nella prima metà di gioco (29-37), ma è poi incappata in una lunga serie di errori al tiro a cronometro fermo (39% complessivo) patendo la maggior freschezza e aggressività difensiva degli universitari, che sono riusciti a ribaltare il risultato nella terza frazione, conservando la testa della gara fino allo scadere.

Dopo aver preso le misure in avvio con una tripla di Berti (13-18), gli ospiti erano cresciuti progressivamente nel secondo periodo, grazie a un parziale (0-11) propiziato a 2’ dalla pausa lunga,  da Livio e Berto (29-37). Al rientro dagli spogliatoi, Albignasego dava la sensazione di restare in controllo (35-41 e 42-46), ma era invece il Cus a replicare tra il 27’ e 28’ con un controbreak (11-1).

Sotto di 6 lunghezze (53-47), Nanti e soci trovavano comunque la forza per limare il disavanzo al solo possesso (59-56 al 36’). A 1’ e 50’’ dalla sirena, però, la rincorsa veniva stoppata ancora una volta dal solito tallone d’Achille dei tiri liberi: sul 61-59, era infatti un 2/6 dalla lunetta a spegnere definitivamente ogni velleità di rimonta e a condannare i gialloneri alla sconfitta.

 

CUS TRENTO – ALBIGNASEGO BASKET 68-61

CUS TRENTO: Bailoni 19, Ricci n.e., Bonelli 7, Bojovic n.e., Montanarini 2, Valer, Zago 5, Dalla Vecchia n.e., Bijedic 20, Bazzan 3, Ciotoli 10, Agostini 2. All. Eglione.

ALBIGNASEGO BASKET: Berto 11, Nanti M. 6, Nanti F. 7, Livio 19, Fabian n.e., Berti 12, Gallocchio, Vigna 6, Vizzotto. All. Benetollo, viceall. Gabaldo e Pavan.

Arbitri: Azzali di Lazise (Vr) e Peretti di Verona.

Note: parziali: 15-18, 14-19 (29-37), 24-10 (53-47), 15-14 (68-61); tiri liberi: Trento 13/19, Albignasego 9/23; tiri da tre: Trento 7 (Bailoni 3, Bonelli, Zago, Bijedic 2), Albignasego 3 (Berto 2, Berti); falli di squadra: Trento 26, Albignasego 21; uscito per 5 falli: Nanti M.