Articoli

Albignasego solido con Ponzano, ma poi annaspa a Riva del Garda

Partiamo da questa considerazione: nel girone d’andata dopo cinque giornate di campionato portavamo a casa 4 punti, nel girone di ritorno dopo cinque giornate raccogliamo 8 punti perdiamo solamente contro Verona, prima in classifica giocando anche una buona partita. Sabato è arrivato al Pala Gazzabin il Ponzano, che avrebbe dovuto scendere in campo senza ben tre giocatori squalificati: Alberti, Prandini e Lena, ma la società trevigiana ha fatto ricorso e con la pena sospesa tre giocatori in questione sono regolarmente in campo. Meglio così, perché giochiamo senza alibi e dubbi di nessun genere.

La prima frazione di gioco vede Albignasego prendere subito la partita in mano con una buona circolazione di palla e difesa aggressiva, che obbliga coach Osellame dopo cinque minuti di gioco a chiamare il primo timeout (10-2). Il discorso, però, non cambia e Albignasego scappa a +13 (22- 9).

La musica non muta neppure nella seconda frazione di gioco (31-24), ma qui forse per sufficienza, qualche tiro affrettato e passaggio sbagliato subiamo un parziale (0-7) e Ponzano pareggia con una tripla di Pozzebon (31-31). Timeout obbligato per coach Benetollo, che al rientro in campo porta il suo beneficio: controparziale di 8-2, firmato da Gallocchio, Vigna e Berto (39-33), ma subiamo ancora 4 punti da Alberti (39-37).

Al rientro dagli spogliatoi, il terzo periodo si gioca punto a punto: due i punti al massimo di scarto per entrambe le squadre (56-56). Nell’ultima frazione di gioco si procede sempre a braccetto (60-58), fino a quando nel giro di 2’ Livio e Vizzotto ci riportano a +7 (67-60). Da qui alla fine gestiamo la partita e incassiamo due punti, che valgono doppio avendo entrambi gli scontri diretti con Ponzano a nostro favore.

Pur non disputando una partita impeccabile, abbiamo mostrato impegno e determinazione, senza il nostro capitano Francesco Nanti. Se continuiamo in questo modo potremo toglierci le nostre belle soddisfazioni.

Massimo Pavan

 

ALBIGNASEGO BASKET – PONZANO BASKET 72-66

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi n.e., Berto 13, Nanti M. 3, Paccagnella n.e., Nanti F. n.e., Livio 13, Fabian, Berti, Gallocchio 3, Vigna 20, Vizzotto 20. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

PONZANO BASKET: Prandini 11, Lena, Pozzebon 6, Alberti 12, Pacchioli n.e., Gatto 15, Cappellazzo, Ricciardi n.e., Alpago 8, Barzan 9, Groppo n.e., Corradini 5. All. Osellame.

Arbitri: Lavarda di Thiene (Vi) e Corrò di Camponogara (Ve).

Note: parziali: 25-16, 14-21, 17-19, 16-10; tiri liberi: Albignasego 15/18, Ponzano 16/21; tiri da tre: Albignasego 7 (Gallocchio, Vizzotto 6), Ponzano 6 (Prandini, Pozzebon 2, Gatto, Alpago, Corradini); falli di squadra: Albignasego 18, Ponzano 16; fallo tecnico: Pozzebon (24’).

 

L’ asse play-pivot (50 punti in due giocatori su 80 segnati) della Virtus Alto Garda mette in crisi l’Albignasego, che non riesce ad espugnare il campo di Riva del Garda. I trentini possono contare per l’occasione sull’innesto del play Nardini (18 punti), che fa impazzire i nostri e che non riusciamo mai a fermare in difesa. Nel primo periodo, Albignasego aveva lasciato la testa ancora in pullman subendo senza reagire (13-2 al 5’). Nel secondo quarto, ci ricordiamo che siamo venuti a fare una partita e non una gita: cominciamo a giocare e un passo alla volta ritorniamo in carreggiata, grazie a un parziale (12-24) con il quale impattiamo (34-34). E allo scadere Berti ci porta al riposo lungo in vantaggio (37-39).

Nella ripresa prevale l’equilibrio, anche se Bernardi è sempre più scatenato. La gara resta in bilico fino al 35’ (69-69); qui, infatti, subiamo un break (11-3) e noi invece di penetrare cercando di andare in lunetta e recuperare spariamo dalla linea dei tre punti senza concludere nulla.

Torniamo a casa sapendo che non abbiamo fatto il nostro dovere e non abbiamo difeso come saremmo stati in grado di difendere. Abbiamo subito 50 punti da due giocatori, ma sappiamo anche che fino ad ora abbiamo fatto delle buone cose e che una giornata storta può anche starci. Dovremo rifarci sabato prossimo quando affronteremo in casa il fanalino di coda Virtus Lido, senza prendere la partita sotto gamba. Perché questi sono in genere gli incroci più pericolosi.

(m.p.)

 

VIRTUS ALTO GARDA – ALBIGNASEGO BASKET 80-72

VIRTUS ALTO GARDA: Hainzl n.e., Nardini 18, Pace, Trivarelli 3, Egidi n.e., Madella n.e., Tobaldi 8, Maci, Lovisotto 10, Bernardi 32, Pastori 9. All. Gabrielli.

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi n.e., Berto 13, Nanti M. 12, Paccagnella n.e., Livio 11, Fabian 2, Berti 14, Gallocchio 8, Vigna 8, Vizzotto 4. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Peretti di Verona e Maculan di Grumolo delle Abbadesse (Vi).

Note: progressivi: 22-10, 37-39, 60-60; tiri liberi: Alto Garda 20/30, Albignasego 12/18; tiri da tre: Alto Garda 8 (Nardini, Trivarelli, Tobaldi 2, Lovisotto, Bernardi 3), Albignasego 9 (Berto 2, Berti 4, Gallocchio 2, Vizzotto); falli di squadra: Alto Garda 21, Albignasego 24; usciti per 5 falli: Nanti M. e Vigna.

Albignasego tiene testa alla capolista Verona, ma cede alla maggiore fisicità scaligera

Arriviamo alla seconda giornata certamente non nelle condizioni migliori per affrontare la prima della classe, che andando a memoria in casa resta imbattuta. Noi ci presentiamo con il capitano Francesco Nanti, in panchina per onor di firma (bloccato alla schiena, ernia) e senza Marcello Berti colpito dall’influenza. Però è nei momenti di difficoltà la squadra si compatta sempre di più e fa quadrato e così affrontiamo la capolista a viso aperto, senza nulla da perdere e con l’intento di vendere cara la pelle. E infatti la pelle l’abbiamo venduta a caro prezzo e abbiamo messo in difficoltà i nostri, dimostrando che anche se siamo “feriti” siamo disposti a lottare come leoni.

Alla fine, abbiamo perso ma siamo usciti dal campo a testa alta: bisogna rivolgere veramente un plauso a tutti i ragazzi specialmente a quei giocatori che magari trovano poco spazio durante l’anno, che invece quando vengono chiamati a fare il loro sono sempre pronti, per l’impegno che ci hanno messo, perché se la fortuna ci avesse baciato un po’ forse il colpaccio lo potevamo mettere a segno.

Adesso ci aspetta una partita casalinga con Murano, reduce da cinque vittorie consecutive, ma che all’andata aveva dovuto sudare le fatidiche sette camicie spuntandola di misura.

Speriamo di recuperare tutti i nostri giocatori e di far valere la legge del Pala Gazzabin.

Massimo Pavan

 

CESTISTICA VERONA – ALBIGNASEGO BASKET 67-61

CESTISTICA VERONA: Bovo 3, Ziliani 5, Croce 16, Fabbian 11, Zenegaglia 2, Lugoboni n.e., Merci n.e., Soave 10, Damiani 15, Bertani 5. All. Zappalà.

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi 4, Berto 16, Nanti M. 9, Paccagnella, Nanti F. n.e., Livio 2, Fabian 8, Gallocchio 2, Vigna 12, Vizzotto 8. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Marignoni e Pallaoro di Trento.

Note: progressivi: 10-9, 29-29, 49-45; tiri liberi: Verona 12/15, Albignasego 2/3; tiri da tre: Verona 9 (Bovo, Ziliani, Croce 3, Fabbian, Soave 2, Bertani), Albignasego 5 (Nanti M., Fabian 2, Vizzotto 2).

 

Al giro di boa del campionato di C Silver, Albignasego si era imposto nettamente tra le mura amiche sul Cus Trento, scavando un solco profondo nel quarto conclusivo.

 

ALBIGNASEGO BASKET – CUS TRENTO 69-44

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi, Berto 16, Nanti M., Paccagnella n.e., Nanti F. 7, Livio 12, Fabian, Berti 12, Gallocchio, Vigna 17, Vizzotto 5. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

CUS TRENTO: Bailoni 5, Ricci 1, Bonelli 9, Montanarini, Bertoni 4, Valer 3, Zago 6, Bazzan 7, Ciotoli 6, Agostini 3. All. Eglione

Arbitri: Dian di Scorzè (Ve) e Romito di Este (Pd).

Note: progressivi: 18-7, 33-19, 44-32; tiri liberi: Albignasego 19/24, Trento 7/11; tiri da tre: Albignasego 6 (Berto, Berti 4, Vizzotto), Trento 5 (Bailoni, Bonelli, Valer, Bazzan, Agostini); falli di squadra: Albignasego 17, Trento 22.

All’Energy Day del Pala Gazzabin, Albignasego cede alla fisicità di Verona

All’esordio casalingo, Albignasego resta ancora a secco di vittorie arrendendosi al termine di una sfida accesa e combattuta ad un’arrembante Cestistica Verona. Per ampi tratti di gioco, i gialloneri hanno patito la fisicità degli scaligeri, che hanno dominato la lotta a rimbalzo inquadrando il match sotto la giusta prospettiva. Sotto il profilo del gioco, inoltre, Albignasego è stato penalizzato alla lunga anche dall’assenza per almeno 15’ in cabina di regia del suo play Marco Nanti, costretto ad abbandonare il campo per un colpo alla spalla.

Partiti a ritmo elevato (11-4 al 5’), i padroni di casa hanno condotto le danze nei primi 10’ (18-13), salvo poi subire l’impatto ospite a metà del secondo parziale, quando una bomba di Croce ha pareggiato i conti (27-27 e 4 punti consecutivi del lungo Soave hanno materializzato il sorpasso veronese (27-31 al 15’). Da quel momento, la Cestistica ha sempre mantenuto la testa avanti incrementando il vantaggio alla doppia cifra in avvio di ripresa (36-47 al 25’). Sotto di 12 lunghezze (38-50), gli uomini di Benetollo hanno reagito rientrando sul -4 grazie a due bombe consecutive di Vizzotto verso il tramonto del terzo periodo (46-50 al 27’). Ma all’inizio dell’ultima frazione, la formazione di Zappalà ha impresso lo strappo decisivo, confezionando un break taglia-gambe (0-8) con Damiani, Fabbian e Bovo. Verona ha allungato fino al +14 del massimo vantaggio (59-73 al 36’) e per i gialloneri a quel punto non c’è stato proprio più nulla da fare.

A parziale consolazione della seconda sconfitta in campionato, la grande festa dell’Energy Basketball, andata in scena nel pre-gara, in cui i giocatori della prima squadra si sono intrattenuti con i baby atleti del pool tra sorrisi, autografi e foto di rito.

 

ALBIGNASEGO BASKET – CESTISTICA VERONA 68-77

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi n.e., Berto 16, Nanti M. 5, Paccagnella n.e., Nanti F. 4, Livio 10, Fabian 4, Berti 10, Gallocchio, Vigna 10, Vizzotto 9. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

CESTISTICA VERONA: Bovo 3, Sesta n.e., Ziliani 6, Pacione 2, Croce 15, Fabbian 5, Zenegaglia 2, Soave 21, Damiani 14, De La Rosa n.e., Bertani 9. All. Zappalà.

Arbitri: Langaro di Arzignano (Vi) e Castello di Sarcedo (Vi).

Note: parziali: 23-19, 34-42 (11-23), 53-56 (19-14), 68-77 (15-21); tiri liberi: Albignasego 9/11, Verona 13/23; tiri da tre: Albignasego 7 (Berto 3, Nanti M.,Vizzotto 3), Verona 8 (Bovo, Ziliani, Croce 4, Fabbian, Bertani); falli di squadra: Albignasego 19, Verona 18; fallo tecnico: Berti (23’ sul 36-46); usciti per 5 falli: Nanti F. e Livio.

Albignasego-Verona, subito un big match per l’esordio casalingo al Pala Gazzabin

Scocca l’ora anche del debutto casalingo per l’Albignasego: sabato, alle 18.30, la prima stagionale al Pala Gazzabin proporrà ai gialloneri subito una sfida di cartello contro la Cestistica Verona. Seconda classificata nell’ultima regular season e prima testa di serie dei playoff, la formazione scaligera gode ancora dei favori del pronostico per l’assalto alla C Gold, forte di un’intelaiatura rodata e consolidata. Confermati in toto i giocatori del roster, assieme al tecnico Matteo Zappalà, la Cestistica ha iniziato il suo campionato di C Silver, aggiudicandosi tra le mura amiche lo scontro diretto con il Litorale Nord (66-61), che ha confermato l’affidabilità e la consistenza del suo tandem di lunghi, composto da Mario Soave (11) e Nicolò Damiani (14).

energy_basketSconfitto all’esordio in Trentino, Albignasego cercherà di rifarsi anche davanti a un pubblico formato perlopiù da atleti delle giovanili del neo pool Energy Basket, che opera nel quadrante sud della provincia a Padova (Albignasego, Casalserugo, Due Carrare e Maserà). Per l’occasione, il palasport di via Torino si vestirà a festa con alcune iniziative collaterali alla partita. Ai bambini e ragazzi, che verranno ad assistere alla gara con i veronesi, a partire dalle 17.30, verranno distribuiti i quaderni dei “baskettari” (fino ad esaurimento) e fino alle 18 i giocatori della prima squadra giallonera resteranno a disposizione per autografi e foto con grandi e piccoli tifosi.

Alberto Livio rinnova con l’Albignasego. Nicola Nanti, Filippo Rizzi e Luca Roin salutano i gialloneri

Tra le numerose conferme per la stagione 2016-2017 se ne aggiunge un’altra molto attesa in casa dell’Albignasego Basket: nel roster per la serie C Silver 2016-2017 rientrerà infatti anche l’ala forte Alberto Livio. Nonostante avesse ricevuto diverse proposte da società di C Silver e C Gold, il giocatore veneziano, classe 1991, ha scelto di restare ad Albignasego, dove a fine agosto inizierà la sua terza stagione consecutiva in maglia giallonera. Dopo tre annate a Spinea e due a Mestre, Livio ha saputo imporsi nel gruppo guidato coach Maurizio Benetollo (in seguito al subentro a Giovanni Pellecchia), come uno dei migliori interpreti della categoria.

Alberto Livio (Foto Bonalore)

Alberto Livio (Foto Bonalore)

Nelle due annate padovane, ha viaggiato sempre in doppia cifra, chiudendo da top scorer della squadra anche nell’ultimo campionato regionale (13.3 punti di media a gara) con un massimo di 25 contro la Cestistica Verona in regular season e 24 in gara-1 della semifinali playoff a Treviso. Ad Albignasego il suo apporto rappresenterà un plus, un valore aggiunto, grazie al quale la società giallonera punta a riconfermarsi nell’impegnativo campionato di C Silver ristretto a 15 formazioni.

La conferma di Livio va a delineare un organico, che deve tuttavia registrare alcune uscite. Hanno infatti intrapreso altri percorsi tre protagonisti dello storico traguardo delle finali playoff, conquistate alla fine dello scorso maggio. La dirigenza albignaseghese rivolge un saluto e un in bocca al lupo a Nicola Nanti, Filippo Rizzi e Luca Roin, nell’auspicio che le loro strade in futuro possono incrociarsi nuovamente a quelle dell’Albignasego.

C Silver, finale playoff: Albignasego pronto allo scontro con Dueville

Ci siamo, è scoccata l’ora della finalissima per l’Albignasego (nella foto Luca Roin). Domenica, i gialloneri andranno a Dueville per affrontare, alle 18, i padroni di casa in gara-1 delle finali playoff di serie C Silver. È la finale meno attesa e pronosticata dell’ultimo lustro e metterà una di fronte all’altra le due outsider di questi playoff. Durante la stagione regolare, lo Sportschool Dueville ha seguito un andamento a tratti analogo a quello dell’Albignasego, ingaggiando con i ragazzi di Benetollo un serrato duello per la quinta posizione nel girone d’andata. Nella seconda parte del campionato, però, la squadra di Andrea Bortoli ha tenuto il passo d’alta classifica, mentre i gialloneri hanno perso terreno scivolando all’ottavo posto proprio nelle ultime giornate di regular season.

DA DUEVILLE A DUEVILLE. Albignasego torna a scontrarsi con la formazione vicentina dopo aver debuttato in stagione proprio con Dueville. Alla prima giornata d’andata, furono i gialloneri ad aggiudicarsi la posta in palio spuntandola all’overtime (65-58). Nel match di ritorno, invece, toccò ai biancorossi ricambiare il “favore” imponendosi di misura nel corso di un confronto condizionato dal basso punteggio (58-55).

IL CAMMINO PLAYOFF. Dueville ha compiuto percorso netto negli spareggi promozione, eliminando ai quarti Resana (andata 73-48 e ritorno 51-61) e in semifinale la Cestistica Verona, prima testa di serie e principale candidata alla promozione in C Gold (andata 67-72 e ritorno 66-58). Albignasego è approdato in finale estromettendo nel quarto la seconda testa di serie Murano (andata 58-80 e ritorno 76-47) per poi sudarsi la qualificazione alla bella con i giovani della Benetton Treviso.

QUI ALBIGNASEGO. Marco Nanti e Filippo Rizzi non saranno al meglio a causa dei consueti fastidi fisici, che si trascinano già da qualche mese. «È una situazione, che quest’anno abbiamo già vissuto diverse volte – osserva coach Maurizio Benetollo –. Oramai siamo abituati. Siamo consci di giocare contro una squadra, che sta attraversando una fase di grande forma, ma la conosciamo molto bene: è un’avversaria che abbiamo incrociato diverse volte negli ultimi anni. Dovremo giocare con la stessa intensità, che abbiamo messo in campo nel finale di campionato e ai playoff, facendo leva anche sulla nostra forza mentale».

LE FINALI. Dopo la prima sfida, la serie finale si sposterà ad Albignasego, con gara-2 in programma per mercoledì, ore 21, al Pala Gazzabin. L’eventuale bella andrà in scena domenica 5 giugno, alle 18, ancora al palasport di Dueville.

Albignasego c’è! È tutto rimandato alla bella con la Benetton Treviso

Si va a gara-3 tra Albignasego e Benetton Treviso. Nel ritorno delle semifinali playoff di serie C Silver, i gialloneri pareggiano i conti riscattando il bruciante ko incassato al fotofinish nel primo confronto (63-60). I ragazzi di Benetollo hanno messo in campo tutta la determinazione necessaria per riassestare la serie conducendo i giochi dall’inizio alla fine, anche se hanno dovuto attendere la seconda metà della partita prima di rompere definitivamente gli equilibri. Dopo aver assunto le redini dell’incontro nella frazione inaugurale (16-11, 7 punti nel parziale firmati da Francesco Nanti), i padroni di casa hanno subìto l’offensiva dei trevigiani. Coach Mian chiamava la zona, alternando tra i due quarti di mezzo una 2-3 e 3-2, che finiva per rallentare l’attacco giallonero. Nella fasi iniziali del secondo periodo, Rossi e Mavric riportavano il risultato in perfetta parità (16-16 al 12’), mentre Barbon realizzava quello che resterà il primo e unico vantaggio del match griffato Benetton (19-21).

Alla ripresa delle ostilità (26-23), Albignasego si presentava con un altro cipiglio e alzava l’intensità difensiva utilizzando tutta la sua fisicità. Nel giro di 6’, Francesco Nanti e Livio dilatavano il margine anche oltre la doppia cifra (42-30). Al termine del terzo quarto chiuso da un’importante tripla di Marco Nanti (50-37), la sfida si metteva decisamente in discesa, anche perché nell’ultimo frangente gli ospiti non riuscivano più a rientrare permettendo a Rizzi di allungare fino al ventello (62-42 al 37’).

Martedì, alle 20.30, si torna quindi alla Ghirada di Treviso per la bella, che decreterà chi tra le due contendenti sarà la seconda finalista del campionato. Nell’altra semifinale, lo Sportschool Dueville ha infatti già guadagnato l’accesso alla finalissima aggiudicandosi anche gara-2 contro la Cestistica Verona, prima testa di serie dei playoff (66-58).

 

ALBIGNASEGO BASKET – BENETTON TREVISO 66-46

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. 3, Nanti N. 6, Roin 5, Paccagnella, Rizzi 10, Nanti F. 9, Livio 18, Fabian 2, Berti 4, Gallocchio 3, Vizzotto 6. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

BENETTON TREVISO: Michelin 7, Simeoni 1, Coassin, Varaschin 14, Esposito 2, Rossi 8, Barbon 5, Mavric 5, Lovisotto 4. All. Mian.

Arbitri: Frigo di Montagnana (Pd) e Bergamin di Noale (Ve).

Note: parziali: 16-11, 26-23, 50-37; tiri liberi: Albignasego 13/19, Treviso 4/12; tiri da tre: Albignasego 7 (Nanti M., Nanti N., Roin, Nanti F., Gallocchio, Vizzotto 2), Treviso 6 (Varaschin 2, Rossi 2, Barbon, Mavric); falli di squadra: Albignasego 21, Treviso 22; fallo antisportivo: Nanti N. (32’); uscito per 5 falli: Nanti N. (39’).

Murano deve arrendersi anche in gara-2, gialloneri in semifinale

Tre vittorie in altrettanti confronti con la Virtus Murano portano dritto l’Albignasego al traguardo delle semifinali playoff di serie C Silver. Il ritorno del quarto di finale in un Pala Gazzabin, insolitamente gremito dai ragazzi delle giovanili del Pool Aviatori (presentate le squadre durante l’intervallo lungo del match), culmina in un lungo assolo dei gialloneri, che conquistano per la quarta volta in poco più di un lustro l’accesso alla semifinale playoff. Un’altra prestazione di spessore per i gialloneri, trascinati da un Francesco Nanti in grande spolvero (miglior realizzatore del match con 25 punti), che ha giocato una partita magistrale registrando il suo record di punti stagionale.

Albignasego ha iniziato subito con grande determinazione, guadagnando un vantaggio da doppia cifra già nei primi minuti dell’incontro (24-8). Per tutta la prima frazione, i gialloneri infatti troveranno facili soluzioni sia nel pitturato che sul perimetro, chiudendo bene gli spazi in difesa (25-12). Murano comincia ad alzare la pressione su palla e linee di passaggio rintuzzando a -10 nel secondo periodo, ma i padroni di casa conservano sempre la lucidità in tutte le zone del parquet, grazie a una circolazione di palla efficace e una difesa solida e coesa. Se il margine non aumenta nel secondo periodo è soltanto a causa di alcune imprecisioni e sbavature al momento della conclusione. Anche quando lo scontro diventa più fisico, con Fabian costretto a uscire per una ferita alla testa dopo una gomitata fortuita, i ragazzi di Benetollo restano in controllo andando al riposo lungo avanti di 13 lunghezze (36-23).

Lo spartito non muta mai. Il pallino del gioco resta saldamente nelle mani dei gialli locali anche in avvio di ripresa. Francesco Nanti raccoglie l’ispirazione, insaccando per due volte di fila dietro la linea dei tre punti (42-24). Ma è la difesa a pagare i suoi dividendi, permettendo al capitano albignaseghese di allungare a +18 con un agevole lay up in contropiede (44-26). Murano esce dal timeout, mettendo grande aggressività e pressione sulla palla, venendo però punita dalle bombe di Berti e Rizzi (52-34 e 55-39).

Nell’ultima frazione il vantaggio dei gialloneri lievita in un amen fino al +29, dopo due triple di Vizzotto (68-39 al 33’). La formazione di coach Bettera è ormai alle corde e nonostante qualche sussulto d’orgoglio non può più impensierire Nanti e soci, che allungano ancora nel finale scavando un solco profondissimo (76-43). Finisce in festa per gli albignaseghesi, che applaudono anche al caloroso pubblico accorso in palazzetto (76-47).

Adesso, bisognerà mantenere alta la concentrazione e attendere l’esito della serie tra Benetton Treviso e Litorale Nord, che stasera (ore 20.30) scenderanno in campo alla Ghirada per gara-2 dell’altro quarto di finale. Intanto, dall’altra parte del tabellone, Dueville ha archiviato anch’essa con un 2-0 il duello con Resana aggiudicandosi anche il ritorno in terra trevigiana (51-61). È tutto rimandato alla bella invece per la prima testa di serie Verona, bloccata un po’ inaspettatamente a Roncade (67-59).

 

ALBIGNASEGO BASKET – VIRTUS MURANO 76-47

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. 6, Nanti N. 6, Roin 6, Paccagnella, Rizzi 7, Nanti F. 25, Livio 6, Fabian 3, Berti 8, Gallocchio, Vizzotto 9. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

VIRTUS MURANO: Zorzi 2, Vianello N. 3, Vian 9, Saoner 2, Pranzo 7, Sartor 1, Parisatti 2, Frison 11, Scancarello 2, Crivellari 2, Vianello M. 6. All. Bettera.

Arbitri: Crivellaro di Breganze (Vi) e Castello di Sarcedo (Vi).

Note: parziali: 25-12, 36-23, 55-39; tiri liberi: Albignasego 11/21, Murano 13/18; tiri da tre: Albignasego 10 (Nanti M., Rizzi, Nanti F. 3, Berti 2, Vizzotto 3), Murano 6 (Pranzo, Frison 3, Vianello N. 2); falli di squadra: Albignasego 25, Murano 23; uscito per 5 falli: Vian; fallo tecnico: Vianello N. (13’ sul 25-18), Parisatti (19’ sul 36-22), Bettera (32’ sul 63-39); espulso: Bettera (32’ sul 63-39).

Via ai playoff: Albignasego incrocia ancora Murano

Prende il via nel weekend l’avventura dell’Albignasego nei playoff di serie C Silver. E per uno strano scherzo del destino, l’avversaria nel quarto di finale sarà ancora la Virtus Murano (nella foto Nicola Nanti, mentre viene raddoppiato nel match dell’ultima giornata di campionato). Pur uscendo sconfitta sabato scorso dal Pala Gazzabin (64-56), la squadra di Alessandro Bettera ha chiuso infatti al terzo posto la regular season beneficiando del ko del Litorale Nord (quarto), battuto di misura dalla Cestistica Verona (62-63). La vittoria dei gialloneri, invece, è stata resa vana dai contemporanei successi di Resana e Benetton Treviso, che in caso di arrivo a tre con lo stesso punteggio sarebbero state scavalcate per effetto della classifica avulsa.

Gara-1 verrà disputata domenica, alle 18.30, nell’ostico campo del Pala Perziano sull’isola muranese, mentre il ritorno è fissato per mercoledì 11 maggio, ore 21, ad Albignasego. L’eventuale bella è prevista domenica 15 alle 18.30 ancora in laguna.

Sarà un’autentica battaglia, ma i ragazzi di coach Benetollo hanno dimostrato di possedere le carte in regola per potersela giocare anche con le big del campionato. I playoff sono sfide molto tese e nervose, dove contano relativamente le gerarchie della stagione regolare e in cui tra i tanti fattori diventa preponderane anche la tenuta fisica e mentale. La formazione, che riuscirà a spuntarla tra Murano e Albignasego, affronterà in semifinale la vincente della serie fra Litorale Nord e Benetton Treviso.

Ultima giornata: sabato, alle 20.30, i gialloneri attendono Murano

Giunti all’ultima giornata della stagione regolare di C Silver permane ancora l’incertezza sul tabellone playoff definitivo. Tolto lo Jesolo, promosso in C Gold, e la Cestistica Verona matematicamente certa della piazza d’onore, il gradino più basso del podio se lo contendono Virtus Murano (46) e Litorale Nord (44), mentre lo Sportschool Dueville è ormai sicuro del quinto posto. Resta ancora aperta invece la lotta per la sesta posizione con tre squadre in lizza: Resana (30), Albignasego (28) e Benetton Treviso (28), che nel recupero infrasettimanale ha schiantato la Virtus Lido (86-55) agganciando e al tempo stesso scavalcando i gialloneri per effetto del doppio confronto. La medesima situazione si presenta per la nona casella con il trio formato da Europa Bolzano, Roncade e Cus Trento (tutte a pari merito a quota 24 punti), alla ricerca dell’ultimo pass utile per i playoff.

Come anticipato, le partite del turno conclusivo verranno disputate sabato sera in simultanea alle 20.30, con il match dell Pala Gazzabin, che vedrà i gialloneri opposti al Murano. All’andata, furono i veneziani a imporsi nettamente contro un Albignasego a ranghi ridotti, orfano di Livio, Francesco e Marco Nanti (76-58). «È una delle neopromosse, che ha fatto meglio in questo campionato – sottolinea coach Maurizio Benetollo (foto) – Murano verrà qui ad Albignasego per difendere il terzo posto. Incontreremo un’avversaria dotata di grande qualità e velocità sugli esterni. In cabina di regia può alternare Zorzi e Pranzo, arrivato con il mercatino invernale dal Mirano. Il reparto è completato dagli ex Lido, Frison, Nicolò Vianello e Saoner, giocatore di notevole talento. In area, invece, dispone di un centro di stazza come Leyba Marine, a cui si aggiungono Parisatti e l’esperto ex Roncade Sartor con alle spalle campionati di categoria superiore. Il nostro compito sarà quello di giocare con grande intensità per provare a conquistare la vittoria. Per il sesto posto, però, non dipenderà soltanto da noi».