Articoli

Carvens, out Francesco Nanti: Peschiera viola il Pala San Lorenzo

Francesco Nanti

Francesco Nanti, infortunato

Albignasego conferma tutti i suoi problemi di tenuta cadendo ancora una volta in casa. La vittoria conseguita contro un modesto Marcon aveva forse illuso la squadra di Toni Paperini di poter ottenere il massimo risultato con il minimo sforzo anche col Peschiera. Ma così non è stato. Il Carvens ha chinato il capo ai veronesi dopo aver perso nel secondo quarto Francesco Nanti, a causa di una brutta distorsione alla caviglia, che verosimilmente lo costringerà a restare fuori per un mese. Da quel momento, infatti, l’inerzia della gara è passata nelle mani degli ospiti.

ASSENZE A RIMBALZO. Anche perché al rientro dalla pausa lunga, il lungo Gueye, ormai privo della “museruola” di Francesco Nanti, prendeva il soppravvento al centro dell’area albignaseghese, dove l’influenzato Dario Zulian non riusciva a opporre una resistenza efficace. A ciò si aggiunga che tra le file giallonere mancava pure l’altro pivot Francesco Lorenzi, che poco prima del match ha dato forfait per uno strappo inguinale. Una situazione che ha di fatto azzerato la presenza a rimbalzo dell’Albignasego, mentre dall’altra parte Morati e Donisi ne approfittavano per aggiustare la mira e bersagliare dall’arco dei 6,75.

BREAK VERONESE. Nel terzo quarto, un parziale di 6-11 regalava alla formazione di Francesco Maresca il pareggio (39-39). Poi, la tripla di Donisi scoperchiava definitivamente la scatola della difesa locale assegnando il primo vantaggio della serata ai veronesi. Tramortiti dal break, i padroni di casa non avevano le forze necessarie per replicare finendo sotto di 11 punti. Nella frazione conclusiva, 7 punti dalla lunetta siglati da Marco Nanti, Corrado Lazzarini e Zulian riportavano in scia i padovani. Ma ormai era troppo tardi per raddrizzare il match, che scorreva via fino al 55-64 finale.

“VIZZO”, SCARPA E POI? Vizzotto, “cuor di leone”, ha chiuso il suo incontro con 16 punti e 4 bombe. Capitan Scarpa, tornato a calcare il parquet in seguito a un lungo stop, ha fatto quello che poteva per garantire ordine al gioco del Carvens a tratti confusionario. È indicativo che le uniche note liete provengano dai veterani dell’“Albi”. Adesso, però, bisognerà capire il peso specifico delle assenze di Francesco Nanti e Lorenzi in un quintetto già abbastanza fragile sotto canestro.

Coach Paperini invocherà aiuto? E la società correrà ai ripari?

 

Il tabellino: CARVENS ALBIGNASEGO-PESCHIERA 55-64

ALBIGNASEGO: Sguotti n.e., Nanti M. 12, Scarpa 3, Lazzarini 7, Suman 5, Nanti F. 1, Collura n.e., Zulian 9, Zago 2, Vizzotto 16. All. Paperini.

PESCHIERA: Maronato n.e., Rigon n.e., Covallero, Donisi 10, Morati 22, Carbone n.e., Borretti 4, Gueye 19, Maresca S. 4, Marcato 3, Rusnighi, Rossignoli 2. All. Maresca F.

Arbitri: Frattin e Calderini di Trento.

Note: parziali: 16-13, 33-28, 43-48. Tiri liberi: Albignasego 15/18, Peschiera 9/14.

Zona Carvens: Albignasego espugna il campo della Trevigiana

Dallo scivolone interno all’impresa esterna, il passo è breve. Con una prestazione determinata e sagace, Albignasego vince in casa della Trevigiana agganciando in classifica i cugini del Malvestio Noventa a quota 16. Un successo indispensabile alla rincorsa verso i playoff, ma utile anche a preparare il “terreno” in vista del derby di sabato contro il Petrarca.

SOLO LIBERI. L’avvio equilibrato lasciava presagire una gara sofferta, ma il break del secondo periodo ha tracciato un primo solco assegnando l’egemonia del match ai padovani. In realtà, proprio durante questo frangente di gara, i padroni di casa hanno denotato una certa difficoltà in attacco segnando la metà dei loro punti soltanto dalla linea della carità. E lo stesso è accaduto nel quarto successivo quando gli uomini di Fabrizio Geromel hanno insaccato 8 dei 9 liberi a disposizione. Come accaduto con il Virtus Riva, gli albignaseghesi hanno raggiunto il bonus in un amen spedendo in lunetta i trevigiani. La maggior parte dei falli, però, è stata originata da falli commessi su azioni “morte”. Nella ripresa, la difesa a zona 3-2 di coach Paperini ha scompaginato i piani della Trevigiana, che ha perso progressivamente contatto subendo un parziale di 10-18.

ULTIMI BOTTI. Partita finita? Niente affatto perché a metà dell’ultima frazione, 2 bombe di Botti e una dell’ex petrarchino Pravato riaprivano i giochi. Con Corrado Lazzarini, Francesco Nanti, gravati di 4 falli, e Dario Zulian out per 5 falli, a 2’38’’ dalla sirena, Giomo e soci acciuffavano il -9 (50-59). Ma si trattava fortunatamente soltanto di un fuoco di paglia, che il Carvens sapeva presto spegnere mettendo in ghiaccia l’incontro.

"Franz" Lorenzi, 38 anni, (foto RovigoOggi.it)

TOP e FLOP. L’assenza del capitano Pietro Scarpa, che domani si sottoporrà a risonanza magnetica per definire l’esatta entità dell’infortunio al ginocchio, unita a quella di Stefano Zago e alle precarie condizioni fisiche di Marco Nanti, non hanno inficiato la prestazione collettiva. Ben più influenti, l’indisponibilità di Giordano, Toniolo e l’apporto nullo del lungo Zanardo in giornata negativa sulla sponda trevigiana. Tra i più in palla del Carvens, oltre al play Lazzarini tornato agli standard della scorsa annata, i pivot Zulian (implacabile dalla media distanza) e Francesco Lorenzi (peraltro in dubbio fino all’ultimo).

“ZIO” PAPERINI. «Una bella vittoria che rafforza la nostra fiducia – commenta il tecnico dell’Albignasego, Toni Paperini – Abbiamo potuto contare su un discreto attacco, ma a differenza della precedente partita con Riva del Garda, che ha giocato in modo rapido e aggressivo, siamo stati in grado di mettere in difficoltà la Trevigiana con un’efficace difesa a zona».

 

Il tabellino: CAVIRO TREVIGIANA-CARVENS ALBIGNASEGO 50-65

TREVIGIANA: Cappellazzo 4, Valenti n.e., Cescon 7, D’Andrea 7, Pravato 3, Giomo 7, Palù n.e., Botti 8, Zanardo, Bordignon, Dozzo 14. All. Geromel.

ALBIGNASEGO: Sguotti n.e., Nanti M. 7, Lazzarini 14, Suman 5, Lorenzi 9, Nanti F. 6, Collura 3, Martinello n.e., Zulian 13, Ferro n.e., Vizzotto 8. All. Paperini.

Arbitri: Marconato di Vedelago (Tv) e Fighera di Istrana (Tv).

Note: parziali: 13-15, 21-29, 31-47. Tiri liberi: Trevigiana 19/23, Albignasego 17/26. Tiri da tre: Trevigiana 3 (Botti 2, Pravato 1), Albignasego 5 (Lazzarini 1, Suman 1, Collura 1, Vizzotto 2). Falli di squadra: Trevigiana 25, Albignasego 25. Fallo tecnico a Cescon (13’). Uscito per 5 falli: Zulian.

Exploit Lazzarini: Carvens ok a Dueville

Nonostante qualche sofferenza e rischio di troppo, il Carvens Albignasego allunga a Dueville la sua striscia positiva e tiene nel mirino le prime posizioni della classifica. Contro lo Sportschool, i gialloneri colgono il loro quarto successo consecutivo, registrano il record stagionale di punti segnati, recuperano il capitano Pietro Scarpa e godono della migliore perfomance stagionale di Corrado Lazzarini. E adesso le prospettive in chiave playoff diventano più rosee. La crisi di ottobre sembra ormai alle spalle, ma occorre sempre mantenere alta la guardia.

REGISTA. Ordinato, preciso e ispirato, Lazzarini- complice l’assenza dell’infortunato Marco Nanti – ha amministrato da solo il gioco degli ospiti fornendo una prestazione ricca di fosforo e sostanza. Il suo contributo alla causa s’innesta all’interno di una prova corale, dove Albignasego senza tirare con percentuali eclatanti ha saputo comunque selezionare le sue conclusioni. Una scelta che ha pagato soprattutto verso il finale di gara, quando i vicentini si sono rifatti sotto spaventando la formazione di Paperini.

QUATTRO TRIPLE. Grazie infatti a tre bombe di Ronzani e una di Cervo, lo Sporstchool tra terzo e ultimo quarto ha acciuffato il suo primo vantaggio del match siglando un +2 (57-55), che ha fatto temere il peggio alla compagine patavina. Il Carvens, però, ha respinto l’assalto dei locali riagganciando a 1’40” dal termine il +4 (63-67) sfruttando una penetrazione di Lazzarini. A decidere le sorti dell’incontro è stato poi un fallo tecnico fischiato al tecnico del Dueville Paolo Zucchi, reo di aver deriso l’arbitro Pellizzon dopo un fallo veniale ai danni di Dario Zulian. Dalla lunetta l’ala-pivot albignaseghese ha realizzato tre dei quattro liberi a disposizione, che hanno regalato il 63-70. I padroni di casa si sono allora affidati al fallo sistematico bloccando tuttavia inutilmente il cronometro. Un ultimissimo libero di Scarpa è stato utile soltanto a sancire il 63-71 di fine partita.

DISAMINA TECNICA. Gli albignaseghesi, che avevano sempre condotto le danze guidati dal suddetto Lazzarini, ma anche dai lunghi Francesco Nanti e Zulian, hanno accusato una battuta a vuoto soltanto all’inizio della quarta frazione. Perso Stefano Zago per uno stiramento alla coscia, sul lungo periodo sono però riaffiorati i nervi saldi dei gialloneri. Dalla parte opposta, pur avendo ceduto nella sessione di mercato estiva Gasparotto e Faye, lo Sportschool resta un gruppo giovane e competitivo, che fa dell’aggressività e dell’intensità offensiva e difensiva il suo marchio di fabbrica. «Abbiamo scelto bene i tiri dalla media distanza – analizza coach Paperini – Da tre, invece, non abbiamo tirato tantissimo perché Dueville ci concedeva pochissimo spazio. In attacco è importante segnare: quando superiamo quota 70 riusciamo spesso e volentieri a vincere le partite».

Adesso, il calendario riserva ad Albignasego una sfida casalinga (almeno sulla carta) abbordabile con il Virtus Riva, prima dello scontro diretto contro la Trevigiana e del derby alla Gozzano con il Petrarca.

 

Il tabellino: SPORTSCHOOL-CARVENS 63-71

SPORTSCHOOL DUEVILLE: Trevisan 12, De Pretto 2, De Marco 5, Shcherbyna 4, Ronzani 11, Gugole, Frigo 6, Bortoli 2, Fontana 4, Santin, Borgo 7, Cervo 10. All. Zucchi.

CARVENS ALBIGNASEGO: Sguotti n.e., Scarpa 8, Lazzarini 25, Suman 6, Lorenzi 4, Nanti F. 8, Collura n.e., Zulian 18, Zago, Vizzotto 2. All. Paperini.

Arbitri: Pellizon di Noale (Ve) e Rizzo di Spinea (Ve).

Note: parziali: 9-21, 24-36, 46-53. Tiri liberi: Dueville 8/12, Albignasego 18/26. Usciti per 5 falli: De Marco, Suman. Fallo tecnico a Zucchi (38’).

Albignasego fa suo il derby con la 3P

 

vizzotto

Vizzotto, tiratore scelto

Albignasego vince il suo primo derby stagionale inanellando il terzo successo consecutivo e rilanciando la propria corsa ai primissimi posti della graduatoria. I gialloneri hanno preso il comando delle operazioni già all’alba del match rifilando alla 3P Crm un break di 21-9. Sfruttando una difesa impeccabile, gli albignaseghesi hanno fatto girare bene il pallone anche in attacco e hanno potuto così scavare un solco determinante ai fini della contesa. Nel secondo periodo, gli uomini di Bisello hanno comunque avuto il merito di credere nella rimonta riportandosi fino al -4 grazie a una tripla di Vendraminelli, prima di acciuffare le 3 lunghezze di stacco a pochi secondi dall’intervallo lungo (29-26). Tuttavia, una bomba di Giacomo Vizzotto a fil di sirena ha ristabilito le distanze consegnando al Carvens il +6 della prima metà di gara (32-26).

3P E 3 CARVENS. Nella ripresa, i padroni di casa hanno alzato nuovamente l’“asticella” individuando la via del canestro con Vizzotto (autore di 4 siluri dall’arco dei 6,75) e Dario Zulian. Tra i locali ha rappresentato un fattore Matteo Suman, che insieme al resto della squadra ha confermato la crescita esponenziale delle ultime settimane. Concluso il terzo quarto sopra di 13 punti (52-39), la frazione conclusiva ha visto Albignasego amministrare il divario in tutta comodità. La 3P, invece, si è spenta minuto dopo minuto e a poco è valsa la zona press impostata da un nervoso coach Bisello, che ha pure recriminato per dei “passi” beccandosi l’antisportivo.

POLLICE VERSO. Per il Carvens si tratta di una vittoria cristallina, sebbene non siano mancate le note stonate. In primis, l’infortunio occorso a Marco Nanti, fuori causa dopo soli 3’ per uno strappo al polpaccio. Episodio che ha costretto Toni Paperini ad alternare in cabina di regia Corrado Lazzarini e il giovane Carlo Sguotti. Ora, bisognerà valutare i tempi di recupero del play albignaseghese auspicando peraltro il pronto rientro anche del capitano Pietro Scarpa. Da segnalare poi il servizio “part-time” di Francesco, il secondo dei cugini Nanti, out per circa 10’ a seguito di una botta al naso. L’altro aspetto negativo riguarda, come capita sovente, le basse percentuali registrate sotto i tabelloni e ai liberi, con cui Bersani e soci hanno riacceso la fiammella della speranza.

SPOGLIATOI. «Abbiamo sbagliato molti canestri facili da sotto – analizza il tecnico Paperini – E probabilmente è stato anche questo il motivo che ci ha impedito di raggiungere un vantaggio più corposo. Nel complesso, la prestazione del nostro attacco è stata sufficiente, ma avremmo potuto e dovuto chiudere prima la partita».

 

Il tabellino: CARVENS ALBIGNASEGO-3P CRM PADOVA 69-58

CARVENS ALBIGNASEGO: Sguotti, Nanti M., Lazzarini 17, Suman 10, Lorenzi 3, Nanti F. 8, Collura, Zulian 13, Zago 2, Vizzotto 16. All. Paperini.

3P CRM PADOVA: Vendraminelli 7, Bordignon 2, Gambarotto A., Schiavon, Ruffa, Bombace 10, Vettore 19, Bersani, Lazzari 1, Zaniolo, Germani 13, Ferrari 6. All. Bisello.

Arbitri: Sandù di Mansuè (Tv) e Fighera di Istrana (Tv).

Note: parziali: 21-9, 32-26, 52-39. Tiri liberi: Albignasego 7/13, 3P Crm 10/17. Fallo tecnico a Bisello per proteste (13’).

Albignasego d’esperienza: il Piani s’arrende

Al Pala San Lorenzo, Albignasego rialza la testa regolando il Piani Bolzano. Contro l’autentica sorpresa di questo inizio stagione, l’esperienza dei gialloneri risulta decisiva ai fini della contesa. I padroni di casa hanno comunque sempre mantenuto ben salda l’inerzia della gara lasciando i bolzanini a distanza di sicurezza. Soltanto qualche battuta a vuoto, legata ad alcuni errori in fase di conclusione, ha permesso al Piani di riaprire temporaneamente le sorti del match.

RITMI CARVENS. I ragazzi di Paperini hanno saputo rallentare i ritmi elevati imposti da una compagine giovane e smaliziata, che tuttavia ha peccato della necessaria lucidità nei momenti cruciali dell’incontro. Alle transizioni della formazione di Miniati, trascinata da Vettori e dall’ex Gattamelata Julian Somvi, Albignasego ha ribattuto rallentando l’intensità di gioco fino a raggiungere il +12 prima dell’intervallo lungo. A cavallo dei due tempi, qualche palla persa e i rimbalzi “sporchi” nell’area albignaseghese, hanno concesso a Bolzano di dimezzare il deficit (54-48).

AVANTI TUTTA. L’ultimo quarto ha visto poi il Carvens gestire il vantaggio chiudendo una sfida lineare, dove il Piani si è dimostrato gruppo tosto, ma dal gioco ancora acerbo. Nel Carvens, brillano il capitano “Peter” Scarpa (3 delle 5 triple albignaseghesi le ha segnate lui) e i cugini Marco e Francesco Nanti, autori di prove tutta sostanza e qualità. I gialloneri dovranno ora disputare altri 2 turni tra le mura amiche. Sabato prossimo alle 19.30, il palazzetto di via Torino, infatti, ospiterà l’Ormelle prima del derby con il Malvestio Noventa in programma il 22 ottobre.

 

Il tabellino: CARVENS ALBIGNASEGO-PIANI BOLZANO 71-65

CARVENS ALBIGNASEGO: Sguotti, Nanti M. 15, Scarpa 13, Lazzarini 9, Suman 2, Nanti F. 14, Collura, Zulian 7, Zago 4, Vizzotto 7. All. Paperini.

PIANI BOLZANO: Ferrari 3, Tiribello, Pizzo 4, Vettori 20, Gaye 8, Allen 1, Bazzan, Ferretti Fr., Fontana 3, Ferretti Fe. 2, Zaharie 6, Somvi 11. All. Minati.

Arbitri: Fior di Noale (Ve) e Gazzato di Spinea (Ve).

Note: parziali: 24-18, 38-30, 54-48. Tiri liberi: Carvens 18/28, Piani 18/24. Tiri da tre: Carvens 5 (Scarpa 3, Lazzarini, Vizzotto), Piani 7 (Vettori 4, Somvi, Pizzo). Usciti per 5 falli: Fontana e Somvi.

L’ANALISI. Espulso Paperini, il Carvens soccombe ad Arzignano

toni paperini

Coach Paperini, espulso

Arzignano ringrazia, prende e porta via, mentre Albignasego viene defraudata proprio al clou del match. Ha lottato fino al termine il Carvens, ma ha dovuto arrendersi agli… arbitri. In una gara vissuta costantemente sul pericoloso filo dell’equilibrio, i gialloneri hanno perso soltanto in un finale deturpato da un cattivo fischio arbitrale. A farne le spese è stato il tecnico albignaseghese Toni Paperini, che si è prima beccato un ingiusto tecnico e poi è stato altrettanto ingiustamente espulso: «Sono arrabbiato – attacca l’allenatore – il metro arbitrale ha inciso nell’ultimo quarto decidendo la partita a favore di Arzignano. Non capisco perché mi abbiano cacciato fuori: era la prima volta durante l’incontro che contestavo una decisione arbitrale. Ho semplicemente detto agli arbitri che forse non avevano giudicato bene una determinata situazione. L’allenatore del Garcia Moreno Marco Venezia ha protestato dal primo minuto dell’incontro, ma non è mai stato sanzionato».

OUT. Gli ospiti hanno giocato a viso aperto reggendo la dinamica di sorpassi e controsorpassi con gap minimali dell’ordine dei 5 punti da ambo le parti. Ma nell’ultimo quarto, al momento della verità, sono stati costretti a rinunciare all’apporto del rientrante Francesco Nanti e del playmaker Lazzarini, usciti anzitempo per 5 falli. I vicentini, che a metà del secondo parziale avevano raggiunto il +8 di massimo vantaggio, hanno così potuto approfittarne per infliggere il minibreak decisivo.

TALLONE D’ACHILLE. Dal canto suo, Albignasego deve recitare il mea culpa per le percentuali irrisorie dalla linea della carità. Tirando con poco più del 50% ai tiri liberi, diventa difficile vincere partite tirate e convulse. «I ragazzi hanno giocato una grande partita, non ho nulla da rimproverargli sotto il profilo del gioco – sottolinea il coach –.Tuttavia, continuiamo a sbagliare troppo dalla lunetta. E non riesco ancora a capire il motivo».

A cura del dottor Giulio Vigner

 

Il tabellino: ARZIGNANO-CARVENS ALBIGNASEGO 59-53

GARCIA MORENO ARZIGNANO: Houenou, Tourè 15, Benetti 7, Vencato 10, Puliero 8, Bellato 8, Ciman, Faggiana n.e., Zampinetti 2. All. Venezia.

CARVENS ALBIGNASEGO: Sguotti, Nanti M. 12, Scarpa 6, Lazzarini 4, Nanti F. 6, Collura 2, Martinello n.e., Zulian 8, Zago 8, Vizzotto 7. All. Paperini.

Arbitri: Danieli e Azzali di Verona.

Note: parziali: 14-11, 26-29, 42-43. Tiri liberi: Arzignano 15/24, Carvens 11/21. Usciti per 5 falli: Benetti, Lazzarini, Nanti F. Fallo tecnico al 39’ per Paperini. Espulso al 40’ Paperini.

Albignasego concede il bis: piegato Summano

Buona anche la seconda. Al debutto casalingo, il Carvens Albignasego risponde presente superando al termine di una partita tirata un coriaceo Summano. Il team giallonero deve infatti aspettare l’ultimo parziale per piegare la resistenza dei vicentini grazie a un +10 taglia gambe, che porta dritto al 58-50 del finale di gara. Non è stato certo un match scintillante, ma tanto è bastato alla collaudata squadra di Toni Paperini per incamerare il secondo successo in campionato.

POCHI PUNTI. Il basso punteggio è figlio della sterilità offensiva “partorita” soprattutto ai tiri liberi. Una lacuna palesata già la passata stagione dalle parti di Albignasego e riconfermata anche in questa occasione: i gialloneri non vanno oltre il 56% dalla lunetta. Troppo poco per pensare di raggiungere quota 60. In avvio, Albignasego accumula un piccolo “tesoretto” concedendo soltanto 7 punti agli avversari (13-7). Nel secondo quarto, la formazione dell’ex tecnico del Petrarca Andrea Santacatterina, però, gioca senza timori reverenziali limando il gap fino al -3 dell’intervallo lungo.

SUMAN KO. Per contro, verso il tramonto del primo tempo, il Carvens è costretto a rinunciare all’apporto dell’ala Matteo Suman, che rimedia un brutto strappo muscolare alla coscia durante uno scivolamento difensivo. Inoltre, il secondo fallo personale limita il minutaggio del pivot Dario Zulian. Una mezza tegola per gli albignaseghesi già orfani dei centri Francesco Nanti (indisponibile) e Francesco Lorenzi (infortunato). Così, al rientro dagli spogliatoi, Gasparin e Meneguzzo ribaltano l’inerzia dell’incontro regalando a Summano le 6 lunghezze di vantaggio (28-34).

SUMMANO KO. Ma i locali, guidati dal duo di playmaker Nanti-Lazzarini, trovano le forze per riagganciare i berici. È proprio Corrado Lazzarini a timbrare dalla linea della carità il 34-34 utile a concludere avanti il terzo periodo con il minimo scarto (37-36). Nella quarta frazione, Scarpa e compagni aumentano l’intensità difensiva imponendo un break autoritario, al quale gli ospiti sono incapaci di replicare. E con il distacco da doppia cifra (47-37), il Carvens scava il solco anticamera della vittoria.

 

Il tabellino: CARVENS ALBIGNASEGO-SUMMANO 58-50

CARVENS ALBIGNASEGO: Sguotti n.e., Nanti 9, Scarpa 10, Lazzarini 17, Suman 6, Collura, Martinello n.e., Zulian 14, Zago, Vizzotto 2. All. Paperini.

PIZETA EXPRESS SUMMANO: Reginato, Gnata 3, Zecchinati 4, Zanella 2, Frigo 6, Gasparin 9, Rampon 3, Ferretto n.e., Meneguzzo 17, Strazzabosco, Stella 6, Alfano n.e. All. Santacatterina.

Arbitri: Germenia di Erbè (Vr) e Mazzali di Gazzo Veronese (Vr).

Note: parziali: 13-7, 23-20, 37-36. Tiri liberi: Carvens 14/25, Summano 17/20. Tiri da tre: Albignasego 2 (1 Scarpa, 1 Lazzarini), Summano 3 (1 Frigo, 1 Gasparin, 1 Rampon). Uscito per 5 falli: Zulian.

Prima di campionato, primo raid giallonero

zulian

Zulian, esordio col botto

Prima giornata di campionato tra luci e ombre per le 4 padovane di C Regionale. Festeggiano Carvens Albignasego e Malvestio Noventa, che battono le trevigiane Riese e Istrana. Male Petrarca e 3P Crm Padova costrette a cedere al cospetto di Bussolengo e Ormelle.

Lo squillo di tromba del primo turno arriva a Riese con il blitz targato Carvens Albignasego. La formazione di Toni Paperini, orfana del suo pivot Francesco Nanti, espugna il palazzetto trevigiano infliggendo soltanto nell’ultimo parziale di gara la “spallata” decisiva. Quattro i portacolori gialloneri in doppia cifra: oltre al capitano Pietro Scarpa, firmano il successo Marco Nanti, Corrado Lazzarini e il top scorer dell’incontro Dario Zulian (18). Per l’ala-centro giunta quest’estate da Piombino Dese, un ottimo esordio: punti, rimbalzi e presenza costante sotto le plance.

Fonte: www.streetball.it.

A cura del dottor Giulio Vigner

 

Il tabellino: RIESE-CARVENS ALBIGNASEGO 63-69

SALVADOR RIESE: Polo 4, Zanon, Libralato, Scapinello 10, Florian 2, Bizzotto 16, Sy 8, Lucetti, Buratto 6, Girardi 13, Lago 2. All. D’Andrea.

CARVENS ALBIGNASEGO: Sguotti n.e., Nanti M. 14, Scarpa 13, Lazzarini 13, Suman 2, Collura, Martinello n.e., Zulian 18, Zago, Vizzotto 9. All. Paperini.

Arbitri: Gerbo di Vicenza e Cavedon di Marano Vicentino (Vi).

Note: parziali: 25-16, 36-35, 49-47. Tiri liberi: Riese 4/9, Carvens 9/14.