Articoli

Albignasego coraggioso: gialloneri vicini al colpo grosso a Jesolo

Impresa soltanto sfiorata per l’Albignasego nel fortino inviolato del Pala Cornaro di Jesolo. I ragazzi di Benetollo accarezzano a lungo il sogno del colpaccio in casa della formazione dominatrice indiscussa del campionato e neopromossa in C Gold, salvo poi cedere alla veemente rimonta jesolana nell’ultimo parziale di gioco (32-14). Supportato da Francesco Nanti, Livio e Berti, Gallocchio (foto) al suo high score stagionale con 12 punti, frutto di 4 tiri dalla lunga, ha illuso i suoi dando fuoco alle polveri nel terzo quarto (9-29).

Erano stati gli ospiti a fare l’andatura anche nei primi minuti dell’incontro pervenendo al +7 con una tripla di Vizzotto e il centro di capitan Nanti (10-17 al 7’). Jesolo risponde con Ruffo e Matteo Maestrello tornando a contatto alla fine del primo periodo (22-23). E proprio in questo frangente, i locali conquistano l’inerzia della gara, ribaltando la prospettiva alla fine del secondo periodo (38-31) per poi andare al riposo lungo con un comodo vantaggio doppia cifra (42-31).

Al rientro dagli spogliatoi, però, la partita cambia fisionomia. I gialloneri serrano le maglie difensive rosicchiando punto su punto fino a ricucire lo strappo al possesso (48-46). Spinto dalle bombe di Gallocchio, Albignasego riesce a sorpassare (48-51) toccando il +9 alla fine della terza frazione con un altro siluro dello stesso Gallocchio (51-60).

Nanti e compagni devono tuttavia fare i conti con la reazione rabbiosa dei padroni di casa, che nei 10’ finali piazzano un primo break mortifero (14-3), rimettendo il naso avanti a 5’ dallo scadere (65-64). Albignasego trova ancora la forza per controbattere trasformando dalla lunetta con Berti (2/3), dopo un fallo subìto (1/2) e un tecnico fischiato a coach Guerra (68-70). Ma entrati negli ultimi due giri di lancette, i tiri pesanti di Munaretto, Ambrosin e Ruffo spengono definitivamente le velleità giallonere (77-71). Sul fallo sistematico, la mano di Ruffo non trema mai (4/4) e Jesolo può dunque coronare nel migliore dei modi la sua entusiasmante stagione mantenendo anche l’imbattibilità casalinga.

Benetton Treviso permettendo, Albignasego (già sicuro dei playoff) dovrà ora vincere l’ultimo match di regular season della C Silver al Pala Gazzabin contro Murano, ma per accedere agli spareggi promozione da quinta testa di serie dovrà sperare anche in un favore del Cittadella. I cugini gialloviola ospiteranno infatti Resana, che nel frattempo ha battuto Solesino issandosi solitaria al sesto posto. Per esigenze di contemporaneità, tutte le gare verranno disputate alle ore 20.30 di sabato 30 aprile.

 

BASKET CLUB JESOLO – ALBIGNASEGO BASKET 83-74

BASKET CLUB JESOLO: Munaretto 7, Lucchetta 3, Dal Maso 4, Ambrosin 20, Maestrello M. 12, Cia 2, Maestrello N. 9, Di Marzo n.e., Visentin n.e., Ruffo 18, Bassetto n.e., Delle Monache 8. All. Guerra.

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M., Nanti N., Roin 4, Paccagnella n.e., Nanti F. 15, Livio 20, Fabian, Berti 18, Gallocchio 12, Vizzotto 5. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Libralesso di Morgano (Tv) e Maculan di Grumolo delle Abbadesse (Vi).

Note: parziali: 22-23, 42-31, 51-60; tiri liberi: Jesolo 15/21, Albignasego 11/22; tiri da tre: Jesolo 7 (Munaretto, Lucchetta, Ambrosin 3, Maestrello M., Ruffo), Albignasego 9 (Nanti F. 2, Berti 2, Gallocchio 4, Vizzotto); falli di squadra: Jesolo 22, Albignasego 20; fallo tecnico: Delle Monache (31’) e Guerra (36’); uscito per 5 falli: Delle Monache.

Lotta aperta per il sesto posto playoff: sabato Albignasego è in missione a Jesolo

Dopo aver agganciato aritmeticamente i playoff, Albignasego (nella foto Francesco Nanti) deve ora salvaguardare il sesto posto. Appaiati in classifica a Resana, i gialloneri precedono virtualmente i trevigiani per effetto degli scontri diretti favorevoli, ma il calendario delle ultime due giornate di regular season si presenta decisamente difficile per i ragazzi di Maurizio Benetollo, chiamati ad affrontare una proibitiva trasferta a Jesolo e ospitare infine Murano. Resana riceverà invece un Solesino già retrocesso per poi chiudere a Cittadella. La lotta per la sesta posizione vede coinvolta anche la Benetton Treviso, attardata di 4 lunghezze dal tandem Albignasego-Resana, ma con una partita casalinga da recuperare mercoledì 27 aprile contro la Virtus Lido. Prima e dopo il recupero infrasettimanale, i giovani verdi trevigiani saranno impegnati in questo weekend a Roncade e in seguito alla Ghirada contro Bolzano.

Intanto, sabato sera alle 20.30, Albignasego dovrà compiere una vera e propria impresa per battere la corazzata Jesolo, ancora imbattuta tra le mura amiche del Pala Cornaro. Neopromossa in C Gold, dopo essere stata ammessa in estate dalla D Regionale, la formazione lagunare ha perso soltanto due gare nel corso del suo trionfale campionato. L’ultimo ko è maturato proprio sabato scorso a Mirano (74-71) nella tredicesima giornata di ritorno, interrompendo una lunga serie di vittorie iniziata proprio dalla tredicesima d’andata con i miranesi. In occasione del match con gli albignaseghesi, la società presieduta da Ugo Cavallin ha intenzione di festeggiare ancora una volta la promozione davanti ai propri tifosi. Starà ad Albignasego riuscire nell’intento di guastarle la festa.

Nuovo stop per l’Albignasego, Benetton irrefrenabile

Si ferma ancora la marcia dell’Albignasego, bloccato tra le mura domestiche dalla Benetton Treviso nel recupero dell’undicesima giornata della serie C Silver. Senza Marco Nanti (caviglia) e Rizzi (ginocchio), in panchina soltanto per semplice onor di firma, la formazione giallonera ha dovuto fare i conti anche con un Livio non al meglio della condizione per un problema alla caviglia, che lo ha limitato nei movimenti. La panchina corta dell’Albignasego, che ha sempre dovuto rincorrere un’avversaria in palla e pimpante, capace di imporre un ritmo elevato per quasi tutti i 40’, ha influito sul lungo termine. Nanti e compagni hanno infatti speso la maggior parte delle energie per recuperare il disavanzo del secondo parziale (6-18) nell’avvio di terzo quarto (18-8), perdendo lucidità nel tiratissimo finale di gara.

Treviso approccia con grande intensità alla partita, costringendo Benetollo a chiamare timeout dopo appena 3’ (2-10). Per uscire dalla trappola di zona press e raddoppi e mettere la testa avanti, Albignasego ha bisogno di un break (8-0), propiziato da due tiri dalla lunga di Vizzotto e Nicola Nanti (15-14), ma in chiusura di quarto un’altra tripla di Esposito manda avanti i verdi trevigiani (15-17). Nel secondo quarto, la press degli Under 18 di coach Mian continua a creare qualche grattacapo ai gialloneri: dal 20-19, i padroni di casa spengono la luce in attacco, pagando dazio dal perimetro sulle conclusioni di un ispiratissimo Esposito e dell’azzurrino Barbon a fil di sirena (21-35).

Nella ripresa, però, una reazione veemente permette ai locali prima di dimezzare lo svantaggio (28-35) e poi di riportare il match sui binari dell’equilibrio (35-37). La Benetton, però, è brava a reggere l’urto conservando il vantaggio fino alla fine del terzo quarto (39-43). Al via dell’ultimo periodo, un altro miniparziale, aperto dall’ennesimo siluro di Esposito, riallunga il margine trevigiano attorno alla doppia cifra (39-48). Con il nuovo passaggio alla zona, Albignasego ritrova il bandolo della matassa rientrando a -1 grazie a due triple di Berti e Vizzotto (49-50). Ma un altro tiro dall’arco a firma Fazioli tiene sopra gli ospiti a pochi minuti dalla sirena (49-53). Dall’altra parte, i gialloneri tentano di replicare nel pitturato, ma non riescono a concretizzare in avvicinamento a canestro, venendo castigati sul ribaltamento di fronte ancora da Fazioli (49-55). Quando mancano 41 secondi allo scadere, tocca a Esposito mettere in cassaforte i due punti dalla lunetta (49-57).

In classifica non cambia niente: Albignasego resta appaiato alla Virtus Resana al sesto posto, ma dovrà cercare di riscattarsi già sabato, ore 18.30 sempre al Pala Gazzabin, con l’Europa Bolzano.

 

ALBIGNASEGO BASKET – BENETTON TREVISO 49-57

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. n.e., Nanti N. 8, Roin 3, Paccagnella n.e., Rizzi n.e., Nanti F. 12, Livio 5, Fabian, Berti 7, Gallocchio, Vizzotto 14. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

BENETTON TREVISO: Michelin 2, Coassin 2, Varaschin 4, Esposito 13, Fazioli 12, Rossi 5, Barbon 10, Lovisotto 9, Ambrosin n.e. All. Mian.

Arbitri: Dian di Scorzè (Ve) e Girardi di Venezia.

Note: parziali: 15-17, 21-35, 39-43; tiri liberi: Albignasego 2/4, Treviso 5/7; tiri da tre: Albignasego 7 (Nanti N. 2, Berti, Vizzotto 4), Treviso 8 (Esposito 3, Fazioli 2, Barbon 2, Lovisotto); falli di squadra: Albignasego 15, Treviso 12.

Albignasego si rituffa nel campionato: la volata playoff scatta a Roncade

Dopo la pausa pasquale e lo slittamento dell’incontro con la Benetton Treviso per la coincidenza del torneo internazionale di Mannheim, che ha visto impegnati tra le file della Nazionale azzurra Under 18 anche i trevigiani Isacco Lovisotto e Cesare Barbon, l’Albignasego torna finalmente a disputare una gara ufficiale. Domenica, alle 17.30, i ragazzi di Maurizio Benetollo calcano l’ostico parquet di Roncade. Tre settimane di sosta forzata sono servite ai gialloneri per recuperare da acciacchi e fastidi di varia natura, ma anche in terra trevigiana bisognerà fare i conti ancora una volta con una defezione nel reparto lunghi: Filippo Rizzi (foto Bonalore), infortunatosi nell’ultima partita della Virtus Padova nel campionato Under 20 Eccellenza, sarà costretto a restare fermo ai box. Il giovane, che gioca in doppio tesseramento ad Albignasego, ha rimediato una lieve lesione meniscale (fissurazione del menisco, annesso a un problema al legamento posteriore del ginocchio), che necessita di terapie e rinforzo muscolare per scongiurare l’intervento chirurgico. Per disinfiammare il menisco occorreranno almeno altre 2-3 settimane.

«A parte Pippo, ci saremo tutti – osserva coach Benetollo – Purtroppo, tra la Pasqua e il rinvio con la Benetton, siamo fermi da tre settimane. Abbiamo disputato soltanto un’amichevole con l’Abano Montegrotto, in cui abbiamo fatto abbastanza bene. Fisicamente siamo apposto: Marco Nanti ha ripreso il suo posto e sia Livio che Francesco Nanti hanno ritrovato la condizione. Come Albignasego, Roncade non attraversa un momento brillantissimo, viene da tre sconfitte consecutive, ma proprio per questo sarà intenzionato a rifarsi. È un’avversaria molto tignosa, specie in casa: il fattore campo sarà sicuramente importante, ma noi andremo lì per fare risultato. Fortunatamente, la classifica si è mossa poco, entrambe le squadre sono appaiate a quota 24 punti. Sarà una sfida interessante, che potrebbe valere una posizione playoff. Chi vince staccherà l’altra di due lunghezze. Se riuscissimo a passare a Roncade, la nostra vittoria però varrebbe doppio, avendo già conquistato i due punti all’andata (63-51, ndr)».

Con la trasferta di domenica, scatterà la volata per i playoff, che vedrà i gialloneri chiamati a un autentico tour de force nei prossimi sette giorni: mercoledì prossimo, ore 21, al Pala Gazzabin verrà infatti recuperato il match con la Benetton, mentre sabato prossimo, ore 18.30, sempre al palasport di via Torino, sarà ospite l’Europa Bolzano.

Sabato l’Albignasego visita il fanalino di coda Castelfranco

L’affermazione nel derby con Solesino ha rilanciato la corsa playoff dell’Albignasego, ma giunti alla stretta finale del campionato i gialloneri sono ora chiamati a profondere il massimo sforzo. Resta da disputare l’ultimo quinto della stagione regolare e sabato sera, alle 21, nella decima giornata della C Silver, i ragazzi di Benetollo visitano il campo del fanalino di coda Castelfranco Veneto.

Rispetto all’andata (76-57), sono avvenuti alcuni cambiamenti in seno alla formazione trevigiana. Primo fra tutti, l’avvicendamento in panchina che lo scorso gennaio ha promosso Carlo Corazza, da secondo a capoallenatore, in luogo di Fabio Ussaggi, che ha lasciato la squadra di comune accordo con la società castellana per tentare d’imprimere una sferzata. A salutare la città murata è stato in seguito anche uno dei giocatori più rappresentativi: il play-guardia Michele Pozzebon, accasatosi a Mestre in C Gold.

Coach Corazza, che aveva già guidato Castelfranco conducendolo alla promozione in C Regionale qualche stagione fa, è riuscito a rinfocolare le speranze di agganciare la zona playout, ma non tanto da consentire ai trevigiani di abbandonare l’ultimo posto. Dal suo subentro in panca sono arrivate tre vittorie in questo girone di ritorno, contro Dueville (78-71), Resana (68-78) e Virtus Lido (76-90), prima di una cocente sconfitta nello scontro diretto di sabato scorso a Mirano (71-70).

Per Nanti e soci, la trasferta di Castelfranco rappresenta un’occasione per incamerare altri punti preziosi per la sesta posizione playoff. A patto però di non sottovalutare un impegno che potrebbe rivelarsi molto insidioso.

Il derby è sempre dell’Albignasego: domato un arcigno Solesino

Quarto derby stagionale e quarta vittoria per l’Albignasego, che si aggiudica anche la gara di ritorno con Solesino interrompendo una striscia di tre sconfitte consecutive. Per la squadra di Maurizio Benetollo non è stato però semplice domare un’avversaria determinata a strappare i due punti al Pala San Lorenzo per risollevarsi dalle sabbie mobili della zona playout-retrocessione. La formazione ospite, infatti, ha lottato per tutti i 40’, riportandosi sotto a -4 nel corso dell’ultima frazione. Con Livio costretto ad abbandonare il parquet nella ripresa per una caviglia dolorante, gli esterni in divisa gialla sono stati l’autentico ago della bilancia: Nicola Nanti (7/11 ai liberi), Berti (6/11 dal campo) e Vizzotto (5/11 da tre e 4/4 ai liberi) hanno portato un contributo sostanzioso alla causa, assieme a un Rizzi, decisivo a rimbalzo e nel finale dei due quarti pari.

PRIMO TEMPO. È un avvio in salita per i gialloneri, che costruiscono molto in fase offensiva, senza tuttavia capitalizzare. A causa di qualche palla persa e delle basse percentuali di tiro, Nanti e compagni faticano a entrare in ritmo (7-11). Solesino, invece, è molto più concreto e trova la via del canestro con maggiore regolarità (9-17). Nel secondo periodo, la musica cambia: le maglie difensive iniziano a stringersi e due triple di Vizzotto e Marco Nanti riducono il disavanzo al possesso (15-17). Gli ospiti, però, restano in piedi grazie al rimbalzo offensivo (18-20). Occorre allora un’altra bomba di Vizzotto per mettere il muso avanti (24-22). Solesino lancia qualche segnale di cedimento caricandosi di falli e a punirlo è un break giallonero (10-0), chiuso da un piazzato di Fiorin e dal gancetto di Rizzi per il +12 a fil di sirena (36-24).

SECONDO TEMPO. Al rientro dagli spogliatoi, i biancoblù alzano l’intensità difensiva accorciando le distanze con Carol Menendez (36-28). La squadra di Ventura attacca il ferro con energia, con Gasparetto che rintuzza al possesso (39-36). Qui, però, gli uomini di Benetollo hanno uno scatto d’orgoglio, che gli permette di riallungare a +11 (45-36). La zona 2-3 dei gialloneri, volta a riempire e chiudere l’area, non riesce comunque ad arginare la reazione rabbiosa del Solesino, trascinato da un ottimo Vit (47-42). L’ultimo strappo del terzo parziale è ancora dei locali, che fissano il nuovo +12 con il buzzer beater da tre siglato da Berti (55-43). Nell’ultimo quarto, Solesino ricuce, materializzando prima il -7 con Vit (63-56) e poi il -4 con Quaglia a 4’ dallo scadere (65-61). La bomba di Vizzotto frena l’avanzata dei solesinesi (68-61), che portano un pressing altissimo in difesa (68-63). Entrati nell’ultimo minuto, un missile in sospensione da dietro l’arco di Rizzi, al limite dei 24 secondi, vale un vantaggio da doppia cifra (73-63). Per Solesino, stavolta non c’è più nulla da fare: i restanti possessi vengono gestiti con raziocino dai padroni di casa (75-67), che chiudono i conti dalla lunetta con Nicola Nanti (77-67), tornando al successo.

 

ALBIGNASEGO BASKET – BASKET CLUB SOLESINO 77-67

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. 3, Nanti N. 15, Roin 2, Paccagnella n.e., Rizzi 14, Nanti F. 3, Livio 6, Fabian, Berti 15, Gallocchio n.e., Vizzotto 19. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

BASKET CLUB SOLESINO: Fiorin 8, Fraccarollo, Rizzo 6, Quaglia 4, Carol Menendez 8, Braggion 7, Vit 15, Gasparetto 5, Ortoman 4, Pinato 10, Serain n.e. All. Ventura.

Arbitri: Sandu di Ponzano Veneto (Tv) e Tondato di Susegana (Tv).

Note: parziali: 9-17, 27-7 (36-24), 19-19 (55-43), 22-24 (77-67); tiri liberi: Albignasego 15/24, Solesino 15/21; tiri da tre: Albignasego 12 (Nanti M., Nanti N. 2, Rizzi, Berti 3, Vizzotto 5), Solesino 2 (Braggion, Pinato); falli di squadra: Albignasego 19, Solesino 25; fallo antisportivo: Gasparetto (22’), Nanti M. (36’); fallo tecnico: Fiorin (15’), Vit (27’); uscito per 5 falli: Fiorin.

Albignasego ancora al Pala San Lorenzo per il derby con Solesino

Per la seconda settimana consecutiva, l’Albignasego (in foto Marcello Berti) scende in campo al Pala San Lorenzo. Davanti ai propri sostenitori, sabato, alle 18.30, i gialloneri dovranno interrompere una striscia negativa lunga tre giornate nell’incrocio tutto padovano con i cugini del Solesino. Da un derby all’altro: l’ultima vittoria in ordine cronologico dei ragazzi di Benetollo risale infatti proprio al derby di Cittadella dello scorso 13 febbraio. Dall’affermazione nella città murata, è iniziata la discesa albignaseghese coincisa con tre battute d’arresto consecutive (due delle quali in casa) rimediate con Virtus Lido (73-78), Litorale Nord (71-61) e Mirano (52-58). Limitato da infortuni e acciacchi di vario tipo, che hanno colpito diversi elementi del quintetto base (su tutti i lunghi Nanti e Livio), Albignasego dovrà ora riuscire a ricompattarsi, superando le difficoltà dell’ultimo mese contro un’avversaria alla disperata ricerca di un successo scaccia-crisi.

QUI SOLESINO. Reduce da sette stop di fila, anche Solesino non vince dal derby di Cittadella (57-60), disputato a inizio gennaio. Era la prima giornata di ritorno della C Silver e da quel momento la buona sorte non ha più arriso alla formazione di Maurizio Ventura, che ha perso quasi tutti i restanti confronti sempre per un’inezia. Domenica scorsa è arrivato l’ultimo beffardo ko con lo Sportschoool Dueville, maturato al termine di una gara condotta fino all’ultimo minuto (75-76). Nonostante il filotto di sconfitte, la squadra gialloblù ha però dimostrato di possedere buone qualità all’interno proprio roster. Soprattutto sugli esterni, dove operano con profitto le guardie Diego Fiorin, Nicola Braggion e Luca Vit, miglior marcatore solesinese. Nel pitturato, invece, agisce il cubano Osniel Carol Menendez, che fa quasi reparto da solo assistito dai giovani Giulio Gasparetto e Davide Serain.

QUI ALBIGNASEGO. In settimana, i gialloneri hanno sostenuto uno scrimmage contro il Roncaglia (girone Verde, serie D). Vizzotto e soci si sono imposti per 65-47 sul gruppo, composto dagli ex Penso, Rizzi, Taffara e Navaglia. Parziali e progressivi: 20-14, 12-11 (32-25), 24-10 (56-35), 9-12 (65-47).

Terzo ko per l’Albignasego, freddato anche da Mirano

Terzo stop consecutivo per l’Albignasego, che al Pala San Lorenzo deve cedere il passo a un motivatissimo Mirano alla sua terza vittoria di fila. Per i ragazzi di “Chuck” Benetollo, ancora alle prese con i postumi degli infortuni occorsi nel reparto lunghi a Francesco Nanti e Livio, una prestazione sottotono dell’intero collettivo, che ha palesato una condizione fisica approssimativa da parte di quasi tutti i suoi elementi. Rianimato dal maggiore equilibrio in regia apportato dall’ex reyerino Mihalic, Mirano sbanca con merito Albignasego, piazzando il colpo del ko nella ripresa.

I gialloneri hanno mantenuto la testa della gara soltanto nei primi 15’ di gioco: chiuso il primo quarto sopra di 5 lunghezze (18-13), i veneziani sono passati a condurre operando il break (0-9) a metà secondo periodo. Sul 27-21, dopo uno 0/2 in lunetta di Roin, gli ospiti mettevano infatti il naso avanti (27-30), andando al riposo lungo sul +4 (29-33). Da quel momento, Nanti e compagni erano costretti a rincorrere gli avversari fino allo scadere, senza tuttavia mai riuscire a coronare la propria rimonta.

Sotto di 7 (38-45) al via degli ultimi 10’, i padroni di casa scendevano fino a -9 (41-50) prima di provare a rientrare. In attacco, il più produttivo era Berti (7 punti nell’ultimo quarto): suo il canestro in contropiede del -5 (48-53) e la tripla del -4 (52-56) a una trentina di secondi dal termine, che riaccendeva le speranze locali. Riacquistato il possesso in difesa, Albignasego si affidava al suo tiro dalla distanza anche in una delle ultime azioni dell’incontro, ma la bomba del possibile -1 questa volta si stampava sul ferro.

A 11 secondi e 7 decimi dalla sirena, Vizzotto doveva spendere il fallo, che spediva un implacabile Scaramuzza sulla linea della carità (52-58). Avanzava ancora il tempo per provare qualche tiro dalla disperazione, ma le conclusioni dall’arco di Marco Nanti e ancora di Berti si infrangevano contro l’anello.

Un finale amaro per l’Albignasego, che dilapida l’ennesima occasione e mette in dubbio la sua permanenza in zona playoff, proseguendo il trend negativo iniziato dopo il derby di Cittadella. Sabato prossimo, alle 18.30, i gialloneri saranno chiamati al riscatto ospitando in un altro derby padovano il Solesino.

 

ALBIGNASEGO BASKET – PALLACANESTRO MIRANO 52-58

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. 6, Nanti N. 8, Roin 5, Paccagnella n.e., Rizzi 2, Nanti F. 6, Livio 7, Fabian 2, Berti 13, Gallocchio, Vizzotto 3. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

PALLACANESTRO MIRANO: Mihalic 9, Negri 2, Scaramuzza 5, Salmaso n.e., Laggia n.e., Casarin A. 6, De Gobbi n.e., Casarin F. 3, Tasca 13, Gambato n.e., Serena 13, Ranzato 7. All. Girotto.

Arbitri: Montagnoli di Cologna Veneta (Vr) e Scandaletti di Padova.

Note: parziali: 18-13, 29-33, 38-45; tiri liberi: Albignasego 5/12, Mirano 14/19; tiri da tre: Albignasego 5 (Nanti M., Nanti N. 2, Berti, Vizzotto), Mirano 6 (Mihalic, Casarin F., Casarin A. 2, Tasca 2); fallo tecnico: Berti (37’).

Il Litorale blocca Albignasego. Grazie e arrivederci ad Andrea Vieno

Disco rosso per l’Albignasego a Cavallino Treporti. Sul difficile parquet del Litorale Nord, i ragazzi del tandem BenetolloGabaldo lottano tenendo testa per ampi tratti agli avversari, ma scivolano fatalmente negli ultimi sussulti del match. Ritrovato l’apporto di Alberto Livio sotto le plance, ma ancora orfani di Francesco Nanti (accomodatosi in panchina per semplice onor di firma), gli ospiti hanno approcciato all’incontro con decisione, lavorando forte in difesa per limitare la fisicità dei litoranei (11-15).

Nel secondo periodo, però, i padroni di casa assumevano il controllo delle operazioni andando al riposo lungo con un margine, che rasentava la doppia cifra (38-29). Nonostante la giornata grigia al tiro da fuori, i gialloneri riuscivano a riportarsi in scia alla fine del terzo quarto (49-47). Nella frazione conclusiva la partita seguiva ancora i binari dell’equilibrio. Almeno fino a quando Albignasego non raggiungeva il -1 e tre falli in attacco fischiati a Livio ne stroncavano il tentativo di rimonta. In questo frangente, la formazione della baia si dimostrava ancora una volta più solida e compatta nel respingere gli assalti albignaseghesi, riaprendo la forbice sul +10. Finiva 71-61.

Tra le file giallonere, ha fatto la sua ultima apparizione Andrea Vieno (foto), costretto a lasciare il gruppo per motivi di lavoro. Ad Andrea, la società rivolge un sincero ringraziamento per il contributo dato alla causa in questi mesi e un grosso in bocca al lupo per il suo prosieguo di carriera professionale e sportiva, nella speranza di poterlo rivedere presto in campo con i colori dell’Albignasego Basket.

 

LITORALE NORD – ALBIGNASEGO BASKET 71-61

LITORALE NORD: Vendramini 15, Gusso 8, Rosada, Toffolo 15, Laganà, Pravato 3, Milazzo n.e., Montino 12, Costantini, Agostinetto, Serena 18. All. Romanin.

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. 4, Nanti N. 6, Roin 3, Rizzi 11, Nanti F. n.e., Livio 13, Fabian, Vieno, Berti 13, Gallocchio, Vizzotto 11. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Dian di Scorzè (Ve) e Libralesso di Morgano (Tv).

Note: parziali: 11-15, 38-29, 49-47; tiri liberi: Litorale Nord 14/19, Albignasego 9/17; fallo tecnico alla panchina dell’Albignasego (38’).

Albignasego tenta l’assalto alla baia del Litorale

È una trasferta lunga e proibitiva quella che l’Albignasego dovrà sobbarcarsi a Cavallino Treporti. Domenica, alle 18, gli uomini di Maurizio Benetollo visitano il campo del Litorale Nord, quarta forza del campionato di C Silver e fra le principali favorite al salto di categoria. Tra i gialloneri, reduci dalla battuta d’arresto casalinga con la Virtus Lido, c’è grande voglia di riscatto, ma bisognerà fare i conti ancora una volta con l’infermeria. Possibile il rientro di Alberto Livio, è ancora in dubbio la presenza di Francesco Nanti (foto).

Sul fronte opposto, i lagunari scenderanno in campo altrettanto motivati, pronti a rifarsi dell’inaspettata sconfitta di Mirano (69-63). All’andata, le due squadre toccavano il picco della forma, contendendosi le primissime posizioni della graduatoria. Al Pala San Lorenzo, il match andò beffardamente alla formazione della “baia”: a deciderlo, sul 58-58, a 6 decimi di secondo dallo scadere, fu infatti un libero di Riccardo Serena, in seguito a un fallo veniale di Vizzotto (58-59).

Tra le mura amiche, il Litorale ha costruito la maggior parte dei suoi successi stagionali, ma nell’impresa di violare l’ostico parquet del Pala Azzurri d’Italia sono già riusciti Resana, Dueville e Roncade. Dovrà provarci anche l’Albignasego, che avrà di fronte un’avversaria dotata di notevole atletismo e fisicità (l’ex giallonero Carlo Agostinetto su tutti), tenendo testa con la qualità difensiva ostentata nelle migliori occasioni.