Articoli

Albignasego bruciato dalla Virtus Lido

L’Albignasego spreca una ghiotta occasione per muovere ancora la propria classifica, venendo bruciato dalla Virtus Lido dopo un match condotto per 37’. Avanti di 4-5 lunghezze per l’intero incontro, i gialloneri hanno subìto aggancio e sorpasso da parte dei veneziani a 3’ dallo scadere, pagando nel complesso soprattutto lo scotto di una serata storta dalla linea della carità (9/24 ai liberi). A pesare sull’economia della gara, però, sono state anche le assenze dei due lunghi Livio e Francesco Nanti, rimasti ai box per i soliti problemi alla schiena. Il primo ha guardato i compagni dalla tribuna, l’altro si è accomodato in panchina soltanto per onor di firma. A questi si è poi aggiunta la defezione di Marco Nanti, anch’egli fermato da problemi muscolari. Ancora una volta, coach Benetollo è stato quindi costretto a “snaturare” la squadra utilizzando Vizzotto nel ruolo di “4” per poi affidarsi al duo Rizzi-Fabian sotto le plance, ma a lungo termine le rotazioni corte e la stanchezza hanno prevalso, favorendo il gioco perimetrale dei piccoli ospiti.

Nel primo tempo, la mossa del tecnico albignaseghese sembrava pagare i suoi dividendi: nel secondo quarto, i padroni di casa, ispirati nel tiro dalla distanza (12 triple), agguantavano anche le 10 lunghezze di vantaggio. Dopo qualche libero non concretizzato, però, Vizzotto e compagni andavano al riposo lungo ancora sul +4 (44-40). Al rientro sul parquet, Lido non mollava mai la presa, restando aggrappato all’incontro anche nel terzo periodo (63-58).

Nella frazione conclusiva, era la maledizione dalla lunetta a condannare Albignasego (1/5 in totale). Bonivento, invece, si dimostrava implacabile al tiro da fermo (5/6 negli ultimi 10’ e 7/8 nei 40’) permettendo ai suoi di impattare e sorpassare. Sotto di 5 punti (70-75) a 40’’ dalla sirena, la bomba di Roin riportava i gialloneri sotto di un possesso (73-75). In seguito, Berti spendeva subito il fallo, spedendo in lunetta proprio Bonivento, che non falliva, regalando ai veneziani la vittoria.

Domenica prossima, alle 18, i ragazzi di Benetollo (foto) dovranno provare a rifarsi contro un’altra compagine lagunare, visitando il proibitivo campo del Litorale Nord a Cavallino Treporti.

 

ALBIGNASEGO BASKET – VIRTUS LIDO 73-78

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. n.e., Nanti N. 12, Roin 21, Paccagnella n.e, Rizzi 7, Nanti F. n.e., Fabian 7, Vieno, Berti 17, Gallocchio, Vizzotto 9. All. Benetolllo, viceall. Gabaldo.

VIRTUS LIDO: Cipolato 18, Rosada 12, Pezzuti n.e., Vianello 3, Pinzan 4, Salerno, Mazzarolo 3, Vecchiato 6, Zanatta 15, Bonivento 18, Massini. All. Giangaspero.

Arbitri: Pellizzon di Noale (Ve) e Niero di Borgoricco (Pd).

Note: parziali: 22-18, 44-40, 63-58; tiri liberi: Albignasego 9/24, Lido 12/20; tiri da tre: Albignasego 12 (Nanti N. 2, Roin 4, Berti  3, Vizzotto 3), Lido 7 (Vianello, Mazzarolo, Vecchiato, Zanatta, Bonivento 3).

I gialloneri tentano l’allungo con Lido

Sull’onda della vittoria nel derby di Cittadella, l’Albignasego Basket (nella foto Marcello Berti) potrà ora provare a sfruttare un nuovo impegno casalingo per allungare il passo in classifica. Sabato, alle 18.30, i gialloneri ricevono al Pala San Lorenzo la Virtus Lido. All’andata, la formazione lagunare si impose su Nanti e compagni, al termine di un match molto combattuto, deciso soltanto dopo un tempo supplementare (81-78). All’overtime, i ragazzi di coach Giangaspero sono riusciti a spuntarla anche nell’ultimo turno di campionato, regolando di misura Mirano tra le mura amiche del Pala Olivi (86-85). Ben cinque gli uomini in doppia cifra tra i veneziani: Cipolato (15), Rosada (15), Mazzarolo (18), Zanatta (18) e Bonivento (15).

L’AVVERSARIA. Squadra molto pericolosa dal perimetro, ma non profondissima, la Virtus Lido ha perso terreno cammin facendo dalle primissime posizioni. Qualche episodio sfortunato e alcune gare girate male, l’hanno fatta scivolare ai margini della zona playout. Il roster, però, specie sugli esterni, vale i playoff con l’eccellente duo di tiratori Bonivento-Zanatta una spanna sopra tutti. Sul quintetto lidense, si può quindi scommettere per un finale di stagione in crescendo. Nel frattempo, però, Albignasego dovrà far rispettare il fattore campo per tenere il ruolino di marcia delle ultime giornate e continuare a visualizzare nel mirino il quinto posto di Dueville.

Arbitrano Andrea Pellizzon di Noale (Ve) e Andrea Niero di Borgoricco (Pd).

Albignasego firma l’impresa nel derby di Cittadella

Un Albignasego in forma smagliante si aggiudica anche il terzo derby stagionale espugnando il fortino di Cittadella. Ancora orfano di Livio e Francesco Nanti, bloccati da problemi alla schiena, i gialloneri compiono l’impresa in casa dei cugini gialloviola gettando letteralmente il cuore oltre l’ostacolo. I ragazzi di Benetollo, che hanno condotto per ampi tratti, sono riusciti a spuntarla solo nel finale, dopo aver subìto la rimonta cittadellese nell’ultimo periodo. Per tre quarti, gli ospiti hanno infatti mantenuto il comando delle operazioni, ma complice anche la stanchezza dovuta alla sforzo profuso sono giunti alla fine con il fiato un po’ corto. Dal canto suo, Cittadella non ha mai mollato restando aggrappato alla partita anche quando la vittoria sembrava avesse ormai preso la via di Albignasego.

OUT FRANCESCO NANTI. Nonostante la pesante defezione di Francesco Nanti sotto le plance (già in mattinata aveva avvertito dolore alla schiena), la formazione ospite è riuscita a limitare l’impatto offensivo dei lunghi avversari difendendo forte su Lovisetto e Tosetto. È la difesa a fare la differenza nella prima metà di gara, ma anche Vizzotto che chiude i suoi primi 20’ di gioco tirando con un 6/8 dalla linea dei tre punti. Dopo la partenza sprint (10-22), i gialloneri hanno tenuto alto il ritmo andando al riposo lungo avanti di 13 lunghezze (29-42). Vantaggio, rimasto quasi immutato anche nel terzo periodo (29-42), ma dilapidato nell’ultima frazione, quando Cittadella, sospinto soprattutto da D’Incà e Beda, riusciva a colmare il gap.

SORPASSO E CONTROSORPASSO. A 4’ dallo scadere, dopo aver impattato, i locali piazzavano anche la zampata del sorpasso portandosi avanti di tre lunghezze. Qui, però, Albignasego aveva una reazione d’orgoglio, grazie alla quale riprendeva la testa della gara per non mollarla più fino alla sirena (70-75).

LO SCOUT. Oltre a Vizzotto (top scorer dell’incontro con 25 punti e 6 bombe), che ha coperto anche lo spot di ala forte alternandosi a Gallocchio (2 triple), altre note di merito vanno ascritte a Roin (20 punti, foto) e Rizzi (12 rimbalzi e 5 recuperi).

Coach Benetollo

IL COMMENTO. «Seppur con notevole difficoltà, siamo riusciti a portare a casa una vittoria importante – commenta Maurizio Benetollo –. Tutta la squadra ha fatto bene, dimostrando una gran voglia di vincere. Abbiamo giocato una partita veramente intensa. Nell’ultimo quarto, la stanchezza si è fatta sentire: avevamo perso l’inerzia e Cittadella ci aveva superato, ma siamo stati bravi a pareggiare subito i conti e conservare un margine di 5 punti fino alla fine».

PROSSIMA GARA. Lunedì, Francesco Nanti e Livio si sottoporranno a risonanza magnetica per accertare l’entità dell’infortunio alla schiena. L’auspicio è che non sia nulla di grave e che i due lunghi possano tornare presto in campo. Per i gialloneri, ora l’appuntamento è fissato a sabato prossimo (ore 18.30) per il match casalingo con la Virtus Lido.

 

BASKET CITTADELLA – ALBIGNASEGO BASKET 70-75 

BASKET CITTADELLA: Policastri, Todesco, D’Incà 15, Zaniolo, Beda 9, Pierobon, Tosetto 13, Pressanto A., Pressanto F. 22, Lovisetto 11. All. D’Onofrio.

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. 1, Nanti N. 9, Roin 20, Rizzi 6, Nanti F., Fabian 2, Vieno, Berti 6, Gallocchio 6, Vizzotto 25. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Sandu di Ponzano Veneto (Tv) e Tadic di Pergine Valsugana (Tn).

Note: parziali: 10-22, 29-42, 46-58; tiri liberi: Cittadella 17/22, Albignasego 10/18; tiri da tre: Cittadella 5 (Pressanto F. 3, D’Incà 2), Albignasego 11 (Vizzotto 6, Gallocchio 2, Nanti N., Roin, Berti); uscito per 5 falli: Nanti M. (35’).

Sabato è derby a Cittadella per i gialloneri

Scocca ancora l’ora del derby padovano in C Silver. Sabato sera, alle 21, l’Albignasego è ospite del Cittadella per una sfida dal sapore playoff. Nonostante le difficoltà, in casa albignaseghese è forte la convinzione di poter fare bene, soprattutto in una stracittadina che potrebbe costituire un crocevia significativo del campionato. Entrambe le squadre si presentano all’appuntamento, reduci da un periodo altalenante sotto il punto di vista del gioco e dei risultati, ma con la volontà comune di trovare maggiore continuità per chiudere la regular season nella parte alta della classifica. In ambo i casi, il recente frangente negativo ha avuto come denominatore comune gli infortuni e le condizioni precarie di alcuni elementi: da una parte Livio, Rizzi, Francesco e Marco Nanti; dall’altra, prima D’Incà (fra i migliori realizzatori gialloviola assieme a capitan Tosetto con quasi 12 punti di media) e poi Baracchini (strappo), Toniato (pubalgia) e Corredig (frattura al malleolo), tutti assenti nell’ultima gara vinta a Mirano (79-88). Finora, nessuna delle due formazioni è riuscita ad aggiudicarsi più di tre partite in sequenza. Il momento migliore della stagione per i ragazzi di Benetollo coincise proprio nel girone d’andata, quando battendo i cugini del Citta inanellarono la loro terza vittoria consecutiva.

I PRECEDENTI. Fu un match che Nanti e compagni condussero dal secondo quarto in avanti, toccando anche le 16 lunghezze di vantaggio per poi contenere nel finale il rientro cittadallese (73-63). L’ultimo confronto nella città murata, datato dicembre 2014, vide invece uscire sconfitti i gialloneri al fotofinish, con l’ultimo tiro dell’incontro preso da Vizzotto (foto), che girò beffardamente attorno all’anello senza gonfiare la retina (74-73).

Albignasego fa sua una vittoria che vale doppio con Resana

Tiene il ruolino di marcia casalingo l’Albignasego Basket. I ragazzi di “Chuck” Benetollo centrano la decima vittoria stagionale, imponendosi nello scontro diretto in ottica playoff sulla Virtus Resana. In classifica, i gialloneri agganciano proprio i trevigiani al sesto posto, portandosi peraltro sul 2-0 nel computo dei confronti diretti. Senza Livio, dolorante alla schiena, l’Albignasego si è presentato all’appuntamento con Rizzi (foto) in dubbio fino all’ultimo per un fastidio al tallone d’Achille e Marco Nanti ancora convalescente dopo la ferita al volto rimediata contro il Cus Trento, ma ha approcciato alla sfida con determinazione, prendendo le distanze già nella frazione iniziale. Un break di 15-0, alimentato dalle bombe di Francesco Nanti (vicino alla doppia doppia con 10 punti e 9 rimbalzi) e Vizzotto ha infatti segnato l’andamento del match (22-8). Nei due quarti di mezzo (25-21 il parziale), i padroni di casa hanno potuto gestire il vantaggio, mostrando una notevole abnegazione difensiva, che ha concesso ben pochi margini di rientro alla formazione ospite. Toccato il +18, il divario si è attestato intorno alle 15 lunghezze, grazie anche all’ottimo lavoro a rimbalzo svolto da Rizzi (12 carambole). Dall’altra parte Resana, orfana di Cecchinato, ha avuto un sussulto d’orgoglio nell’ultimo quarto (12-20), ma pur aggiudicandosi alla resa dei conti il duello a rimbalzo non è mai riuscita a rimettere in discussione il risultato.

Il diesse Massimo Pavan

IL COMMENTO. «Abbiamo disputato una partita molto importante in difesa, infliggendo uno scarto consistente ai nostri avversari in un incontro a basso punteggio. – riflette coach Benetollo – La squadra ha tirato bene da tre, ma dovremo migliorare le percentuali di tiro dalla media. Anche se non eravamo particolarmente allenati, come contro la Cestistica Verona la difesa ha fatto la differenza: siamo riusciti a mettere l’intensità giusta per affrontare questo genere di gare».

LA DEDICA. Società, tecnici e giocatori tenevano particolarmente a vincere con Resana per dedicare il successo al direttore sportivo Massimo Pavan, ricoverato da una settimana in ospedale per problemi di natura cardiaca. Rivolgendo a Massimo gli auguri di pronta guarigione, la squadra giallonera lavorerà sodo nei prossimi giorni per arrivare preparata all’atteso derby con il Cittadella, in programma sabato (ore 21) nella città murata.

 

ALBIGNASEGO BASKET – VIRTUS RESANA 59-49

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. 4, Nanti N., Roin 6, Paccagnella, Rizzi 8, Nanti F. 10, Fabian 5, Vieno 3, Berti 8, Gallocchio, Vizzotto 15. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

VIRTUS RESANA: Casati 12, Scapinello 6, Miatello, Campagnaro 7, Marcon 16, Nalesso 2, Basso 4, Bisinella 2, Tessarin, Olivetto. All. Cavalli.

Arbitri: Nati di Vicenza e Radoni di Roncade (Tv).

Note: parziali: 22-8, 34-18 (12-10), 47-29 (13-11), 59-49 (12-20); tiri liberi: Albignasego 5/11, Resana 8/22; tiri da tre: Albignasego 10/28 (Vizzotto 3, Berti e Nanti F. 2., Rizzi 2, Vieno), Resana 1/13 (Marcon); rimbalzi: Albignasego 34 (28+6), Resana 47 (34+13).

Fiocco azzurro: benvenuto a Lorenzo Nanti!

La cicogna ha portato un bel fiocco azzurro all’Albignasego Basket. Giovedì scorso, alle 12.26,  è nato Lorenzo, primogenito di Nicola “Nando” Nanti, guardia della prima squadra di C Silver. Tre chili e 680 grammi per 53 centimetri, quando è venuto alla luce Lorenzo ha regalato un’immensa gioia a papà Nicola e mamma Anna. Ai neo genitori vanno le più sincere congratulazioni di tutta la società giallonera, con le felicitazioni per il lieto evento estese familiarmente anche agli “zii” Marco e Francesco, cugini e compagni di squadra di Nicola. Al piccolo Lorenzo, invece, rivolgiamo i migliori auguri di buona vita e un futuro radioso, possibilmente anche nel mondo del basket.

LORENZO. L’origine del nome deriva dal cognomen latino Laurentius (presente anche nella variante Laurens), che inizialmente denotava un abitante di Laurentum, antica città del Lazio[1][2][8]. Secondo la tradizione questa città era stata edificata in un luogo ricco di piante di alloro, in latino laurus, da cui il nome[1][8]. Altre interpretazioni ricollegano il nome direttamente a laurus, con il significato quindi di “colui che è cinto d’alloro”, in riferimento alla corona di alloro che veniva posta sul capo dei poeti e dei generali vittoriosi; in questo caso, avrebbe lo stesso significato di Lauro e Laura.

La sua iniziale diffusione negli ambienti cristiani è dovuta alla devozione verso san Lorenzo, il diacono che venne arso vivo sulla graticola[1]. La forma Laurence era comune in Inghilterra nel Medioevo, in parte grazie anche ad un altro santo così chiamato, Lorenzo di Canterbury, così come in Irlanda si diffuse grazie al culto di san Lorenzo O’Toole (il cui vero nome era Lorcán)[1]. Dal XIX secolo la forma Laurence è passata in secondo piano rispetto a Lawrence, soprattutto negli Stati Uniti[1]. In Italia Lorenzo è, secondo l’Istat, il quinto nome maschile più utilizzato per i nuovi nati negli anni 2004[9], 2006[10], 2007, 2008 e 2009[11].

(fonte: Wikipedia)

Albignasego ritrovato, fermata Verona

Termina dopo quattro giornate la striscia negativa dell’Albignasego Basket. La squadra di Maurizio Benetollo torna a girare a pieno regime spegnendo la Cestistica Verona. Con la seconda forza della C Silver, i gialloneri riassumono concretezza offensiva in entrambi reparti (interno-esterno), legittimando nel finale la propria vittoria con una difesa solida e compatta. A spingere l’attacco albignaseghese è stato un superbo Livio (25 punti), frenato peraltro da una probabile contrattura alla schiena subita nelle prima battute di gioco. Ma si è rivelato fondamentale anche l’apporto degli esterni, in particolare Berti (14) e Vizzotto (14, foto), autori di punti pesanti al momento di chiudere i conti. Ancora out Marco Nanti, in cabina di regia si sono invece alternati Vieno e Roin, con quest’ultimo protagonista nell’avvio di gara.

Il match comincia infatti sotto il segno degli attacchi: dopo una fase di equilibrio, Albignasego passa a condurre (22-15) proprio grazie a Roin, che soltanto nei primi 10’ realizza ben 10 dei suoi 14 punti. È proprio una sua tripla a chiudere il primo quarto sul +8 a favore dei padroni di casa (25-17). Al via del secondo periodo è Rizzi a far lievitare il vantaggio fino alla doppia cifra, colpendo da dietro l’arco (28-17). Qualche palla persa e alcuni problemi d’accoppiamento nella metà campo difensiva permettono agli ospiti di riportarsi in linea di galleggiamento (30-26). Albignasego, però, mantiene il ritmo e un altro miniallungo di Livio riapre la forbice a +8 (34-26). Con gli attacchi ancora molto ispirati, il tabellone luminoso si muove velocemente fino al +10, confezionato dal pick and roll di Fabian su un assist no look di Vieno (41-31). Nella parte terminale del primo tempo, i veronesi provano a rifarsi sotto rubando diversi rimbalzi offensivi, ma non vengono premiati dalle percentuali di tiro (43-32).

Luca Roin, il play-guardia giallonero ha siglato 10 dei suoi 14 punti nel 1° periodo

Alla ripresa delle ostilità, due triple di marca scaligera limano il margine a -7 (45-38). L’ennesima disattenzione a rimbalzo regala a Bovo il tap-in del -5 (45-40), ma è ancora Livio a rimettere 8 lunghezze di distanza dagli avversari (50-42). Il tiro da tre di Bovo riavvicina nuovamente la formazione di Zappalà a -5 (50-45), ma sono due triple del neo entrato Gallocchio e di Rizzi a issare i locali a +12 (57-45). Il lavoro in difesa dei gialloneri, fatto di pressing, raddoppi, aiuti e rotazioni, comincia a pagare i suoi dividendi, limitando l’apporto offensivo dei lunghi veronesi. Al tramonto del terzo periodo, Berti e Livio proiettano al +15 (61-46), mentre il tiro dai 7 metri di Berti nell’abbrivio dell’ultimo quarto fissa il +16 (64-48). Soave e Damiani ritrovano la via del canestro (66-52), ma dall’altra parte i gialloneri continuano a far girare palla andando a segno anche contro la difesa a zona (69-53).

Nei 5’ conclusivi, i biancorossi vanno in forcing e pressando a tutto campo rintuzzano il gap a -11 (71-60), anche se Nanti e soci sono bravi a trovare sempre il modo di eludere il pressing. La tripla dall’angolo di Vizzotto riallarga a +16 il vantaggio locale (76-60). Damiani prova a infondere speranze ai suoi con una conclusione dalla lunga (77-65), incassando la pronta risposta di Berti dai 6.75 (80-67). Sul fallo sistematico, negli ultimi secondi l’Albi mantiene la lucidità necessaria per chiudere in crescendo con un gioco da quattro punti capitalizzato da Vizzotto (86-69).

 

ALBIGNASEGO BASKET – CESTISTICA VERONA 86-69

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. n.e., Nanti N., Roin 14, Paccagnella n.e., Rizzi 8, Nanti F. 3, Livio 25, Fabian 2, Vieno, Berti 14, Gallocchio 3, Vizzotto 17. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

CESTISTICA VERONA: Bovo 10, Sesta, Ziliani n.e., Lugoboni n.e., Pacione 17, Fabbian 3, Filippini 6, Soave 6, Damiani 15, Brunelli 6, Bertani 6. All. Zappalà.

Arbitri: Castello di Sarcedo (Vi) e Previatello di Cadoneghe (Pd).

Note: parziali: 25-17, 43-32 (18-15), 61-48 (18-16), 86-69 (25-21); tiri liberi: Albignasego 14/24, Verona 10/18; tiri da tre: Albignasego 11 (Roin, Rizzi 2, Berti 2, Gallocchio, Vizzotto 5), Verona 9 (Bovo 2, Pacione 2, Damiani 3, Brunelli, Bertani); falli di squadra: Albignasego 19, Verona 22; usciti per 5 falli: Livio, Bovo, Brunelli.

Sabato arriva Verona, un’altra big sulla via dell’Albignasego

A distanza di due settimane dalla sconfitta con la capolista Jesolo nel turno dell’Epifania, l’Albignasego Basket ritorna a calcare il parquet del Pala San Lorenzo per sfidare un’altra big del campionato di C Silver. Sabato, alle 18.30, i gialloneri affrontano infatti la vicecapoclassifica Cestistica Verona. È una partita in cui i padroni di casa, reduci da quattro ko di fila, non godono dei favori del pronostico, ma Nanti e compagni sono decisi a dare il massimo per spezzare la striscia negativa. Nonostante lo stop di misura, l’ultima gara a Dueville ha mostrato un Albignasego in risalita rispetto alle precedenti apparizioni. Grazie ai rientri di Francesco Nanti e Alberto Livio, la squadra di Maurizio Benetollo ha ritrovato quella consistenza sotto le plance, grazie a cui nel girone d’andata è stata in grado di tenere testa anche ad avversarie dotate di lunghi molto fisici e atletici.

L’AVVERSARIA. Verona, rinforzatasi in estate con Nicolò Damiani, uno dei centri più forti della categoria, è senza dubbio una delle rivali più attrezzate sotto canestro. Per sperare di giocarsela fino in fondo, Albignasego dovrà quindi reggere in difesa proprio l’impatto dell’ex pivot del Villafranca, miglior marcatore scaligero con 15.4 punti di media. Tornata al successo con Mirano sfiorando i 100 punti (98-74), la Cestistica può però contare sull’attacco più forte del torneo anche per merito di due esterni prolifici, come Nicola Brunelli e Massimo Ziliani (ex Gattamelata), entrambi puntualmente in doppia cifra. Anche in questo caso, la difesa albignaseghese, che ha recuperato solidità e coesione, avrà un peso specifico preponderante sull’esito finale del match.

Arbitrano Filippo Castello di Sarcedo (Vi) e Michele Previatello di Cadoneghe (Pd).

Albignasego in palla, Dueville sorpassa solo al fotofinish

Un Albignasego (nella foto Filippo Rizzi al tiro libero) ritrovato inizia il girone di ritorno cedendo di misura a Dueville. Recuperati Francesco Nanti e Alberto Livio, ma non ancora Marco Nanti (in panchina per onor di firma), i gialloneri devono arrendersi ai vicentini al termine di un match condotto per ampi tratti e deciso soltanto ai liberi nei secondi finali. Fino al terzo quarto, il pallino del gioco è infatti rimasto saldamente in mano alla formazione ospite (36-43): avanti alla pausa lunga di 9 lunghezze (22-31), dopo un buon primo quarto (11-14), i ragazzi di Benetollo hanno conservato il vantaggio anche nella terza frazione (36-43). Nell’ultimo periodo, però, Dueville stringeva le maglie in difesa recuperando i 7 punti di svantaggio. A quel punto, iniziava un lungo punto a punto, che si trascinava fino alla sirena finale. Entrati nel giro di lancette conclusivo, Trevisan subiva fallo in penetrazione e portava avanti i suoi di un possesso, trasformando i due liberi a disposizione (56-54). Sul successivo attacco della squadra giallonera, Andrea Vieno smazzava l’assist per Livio, che tirava venendo bloccato irregolarmente: dalla lunetta, il suo primo tiro andava a segno, ma non così il secondo (56-55).

ULTIMI SECONDI. Avanzava pochissimo tempo: Albignasego bloccava il cronometro rispedendo sulla linea della carità i vicentini, che chiudevano la contesa (58-55). Con tre secondi ancora da giocare, gli ospiti provavano ancora a costruire il tiro del possibile supplementare, ma non riuscivano ad arrivare alla conclusione lasciando la vittoria allo Sportschool Dueville.

IL COMMENTO. «Abbiamo disputato una buonissima partita – rileva coach Benetollo –. L’abbiamo condotta quasi tutta. Peccato non averla portata a casa. I rientri di Livio e Francesco Nanti hanno ridato sostanza all’intera squadra, ma sugli episodi Dueville è stato più bravo di noi producendo quelle penetrazioni, che gli hanno permesso di vincere. Ci stiamo ritrovando, ora ci manca soltanto il recupero di Marco Nanti. Se riusciremo a giocare con una difesa abbastanza forte e intensa, sono convinto potremmo trarre i nostri risultati».

Sabato prossimo (ore 18.30), dopo circa due settimane, l’Albignasego rimette piede al Pala San Lorenzo per un’altra sfida difficile, ma al contempo stimolante, contro la Cestistica Verona, vicecapolista della serie C Silver.

 

SPORTSCHOOL DUEVILLE – ALBIGNASEGO BASKET 58-55

SPORTSCHOOL DUEVILLE: Trevisan 6, Ronzani 11, De Marco 11, Giordani, Caneva 2, Perin, Finello, Forner 2, Cervo n.e., Shcherbyna 8, Mink 9, Sinicco 6. All. Bortoli.

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. n.e., Nanti N. 2, Roin 10, Paccagnella n.e., Rizzi 9, Nanti F. 8, Livio 12, Fabian, Vieno 2, Berti 5, Gallocchio n.e., Vizzotto 7. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Fior di Noale (Ve) e Pietrobon di Roncade (Tv).

Note: parziali: 11-14, 22-31, 36-43; tiri liberi: Dueville 21/25, Albignasego 13/24; tiri da tre: Dueville 3, Albignasego 4; fallo tecnico: Benetollo nel 2° quarto e Trevisan nel 3° periodo.

1^ giornata di ritorno: Dueville-Albignasego

Terminato il girone d’andata con uno stop a Murano, l’Albignasego Basket (nella foto Andrea Vieno in palleggio) comincia quello di ritorno con un’altra trasferta. Domenica, alle 18, i ragazzi di “Chuck” Benetollo saranno ospiti dello Sportschool Dueville, formazione che precede i gialloneri al quinto posto a quota 18 punti, con due sole lunghezze di vantaggio. Ecco allora che alla luce dell’attuale classifica, questo scontro diretto, valevole per la prima giornata di ritorno, può diventare molto importante, se non fondamentale, in prospettiva playoff. Reduce da tre ko consecutivi, Albignasego sta attraversando un momento difficile, complici anche le condizioni non ottimali di diversi elementi e i tre pesanti infortuni, che hanno messo fuori causa Alberto Livio, e i cugini Marco e Francesco Nanti, accorciando le rotazioni e minando nel complesso la stabilità del gioco di squadra.

A differenza di Vizzotto e soci, Dueville è tornato dalla vacanze natalizie con le batterie ricaricate, aggiudicandosi, dopo la vittoria messa in cassaforte prima di Natale contro la Virtus Lido (87-70), anche i confronti di Cavallino Treporti con il Litorale Nord (75-80) e in casa con Mirano (72-65). In casa giallonera, l’augurio è di poter bissare il successo dell’andata, quando all’esordio stagionale fu l’Albi a strappare i due punti in una sfida molta equilibrata e combattuta terminata all’overtime (65-58).