Articoli

Albignasego spegne il fanalino Virtus Lido

L’Albignasego sceso in campo sapendo di dover riscattare la brutta sconfitta subita a Riva del Garda (avversaria che d’ora in avanti creerà serie difficoltà a chiunque) e riscatto è stato.

La Virtus Lido è sì ultima in classifica, ma è una squadra ostica e poi arrivava al Pala Gazzabin con il morale alto dopo la vittoria ottenuta in casa sabato scorso contro il Litorale Nord. Da parte nostra, ricordiamo bene che le partite con le ultime della classe sono le più insidiose e non vanno sottovalutate.

Nella prima frazione di gioco si gioca alla pari (5-5) poi Albignasego scappa ritrovando subito avanti quasi in doppia cifra (14-5). Alla sua seconda partita in panchina (la prima in trasferta), Ragazzi chiama subito minuto per riordinare le idee. In effetti il timoeut porta i suoi frutti, perché perdiamo tre palloni di seguito incassando un parziale (3-9), che riduce le distanze al possesso pieno (17-14). Nel secondo periodo coach Benetollo catechizza i suoi giocatori, che piazzano un parziale di 9-2 (26-16). Fino al termine il distacco oscillerà sempre fra 6 e 8 punti (45-37).

Nel terzo periodo il primo canestro arriva dopo 3’: è Vigna a interrompere l’astinenza e da quel momento Albignasego non sbaglia più allungando fino al +16 con Berto, Marco Nanti, Livio e Vizzotto (61-45).

Il quarto periodo è di puro controllo e consente a Benetollo di ruotare tutti i giocatori presenti in panchina. Da notare la serata di grazia al tiro da tre (12 triple) con mattatore Vizzotto, autore di ben 7 triple (21 punti), ben coadiuvato da Vigna (18) e Livio (12).

Adesso mancano sei giornate alla fine di campionato: tre partite in casa (Riese, Summano e Mirano) e tre partite in trasferta (Conegliano, Litorale Nord e Roncade) contro squadre d’alta classifica. Qui dovremo mostrare il nostro vero valore e capiremo dove possiamo arrivare.

Massimo Pavan

 

ALBIGNASEGO BASKET – VIRTUS LIDO 79-65

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi, Berto 7, Nanti M. 9, Paccagnella 1, Nanti F. n.e., Livio  12, Fabian 2, Berti 3, Gallocchio 6, Vigna 18, Vizzotto 21. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

VIRTUS LIDO: Marzaro 4, Pasqualetto 13, Parisatti, Vianello, Ragazzi G. 13, Stefani 19, Carrer, Mazzarolo 2, Saoner 6, Ciulu 8. All. Ragazzi A.

Arbitri: Previatello di Cadoneghe e Niero di Borgoricco.

Note: parziali: 17-14, 28-23, 16-8, 18-20; tiri liberi: Albignasego 4/7, Lido di Venezia 13/17; tiri da tre: Albignasego 12 (Berto, Nanti M., Berti, Gallocchio 2, Vizzotto 7), Lido di Venezia 6 (Pasqualetto, Ragazzi G. Stefani 4); falli di squadra: Albignasego 17, Lido di Venezia 16; fallo antisportivo: Parisatti (17’); uscito per 5 falli: Berto.

 

Albignasego solido con Ponzano, ma poi annaspa a Riva del Garda

Partiamo da questa considerazione: nel girone d’andata dopo cinque giornate di campionato portavamo a casa 4 punti, nel girone di ritorno dopo cinque giornate raccogliamo 8 punti perdiamo solamente contro Verona, prima in classifica giocando anche una buona partita. Sabato è arrivato al Pala Gazzabin il Ponzano, che avrebbe dovuto scendere in campo senza ben tre giocatori squalificati: Alberti, Prandini e Lena, ma la società trevigiana ha fatto ricorso e con la pena sospesa tre giocatori in questione sono regolarmente in campo. Meglio così, perché giochiamo senza alibi e dubbi di nessun genere.

La prima frazione di gioco vede Albignasego prendere subito la partita in mano con una buona circolazione di palla e difesa aggressiva, che obbliga coach Osellame dopo cinque minuti di gioco a chiamare il primo timeout (10-2). Il discorso, però, non cambia e Albignasego scappa a +13 (22- 9).

La musica non muta neppure nella seconda frazione di gioco (31-24), ma qui forse per sufficienza, qualche tiro affrettato e passaggio sbagliato subiamo un parziale (0-7) e Ponzano pareggia con una tripla di Pozzebon (31-31). Timeout obbligato per coach Benetollo, che al rientro in campo porta il suo beneficio: controparziale di 8-2, firmato da Gallocchio, Vigna e Berto (39-33), ma subiamo ancora 4 punti da Alberti (39-37).

Al rientro dagli spogliatoi, il terzo periodo si gioca punto a punto: due i punti al massimo di scarto per entrambe le squadre (56-56). Nell’ultima frazione di gioco si procede sempre a braccetto (60-58), fino a quando nel giro di 2’ Livio e Vizzotto ci riportano a +7 (67-60). Da qui alla fine gestiamo la partita e incassiamo due punti, che valgono doppio avendo entrambi gli scontri diretti con Ponzano a nostro favore.

Pur non disputando una partita impeccabile, abbiamo mostrato impegno e determinazione, senza il nostro capitano Francesco Nanti. Se continuiamo in questo modo potremo toglierci le nostre belle soddisfazioni.

Massimo Pavan

 

ALBIGNASEGO BASKET – PONZANO BASKET 72-66

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi n.e., Berto 13, Nanti M. 3, Paccagnella n.e., Nanti F. n.e., Livio 13, Fabian, Berti, Gallocchio 3, Vigna 20, Vizzotto 20. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

PONZANO BASKET: Prandini 11, Lena, Pozzebon 6, Alberti 12, Pacchioli n.e., Gatto 15, Cappellazzo, Ricciardi n.e., Alpago 8, Barzan 9, Groppo n.e., Corradini 5. All. Osellame.

Arbitri: Lavarda di Thiene (Vi) e Corrò di Camponogara (Ve).

Note: parziali: 25-16, 14-21, 17-19, 16-10; tiri liberi: Albignasego 15/18, Ponzano 16/21; tiri da tre: Albignasego 7 (Gallocchio, Vizzotto 6), Ponzano 6 (Prandini, Pozzebon 2, Gatto, Alpago, Corradini); falli di squadra: Albignasego 18, Ponzano 16; fallo tecnico: Pozzebon (24’).

 

L’ asse play-pivot (50 punti in due giocatori su 80 segnati) della Virtus Alto Garda mette in crisi l’Albignasego, che non riesce ad espugnare il campo di Riva del Garda. I trentini possono contare per l’occasione sull’innesto del play Nardini (18 punti), che fa impazzire i nostri e che non riusciamo mai a fermare in difesa. Nel primo periodo, Albignasego aveva lasciato la testa ancora in pullman subendo senza reagire (13-2 al 5’). Nel secondo quarto, ci ricordiamo che siamo venuti a fare una partita e non una gita: cominciamo a giocare e un passo alla volta ritorniamo in carreggiata, grazie a un parziale (12-24) con il quale impattiamo (34-34). E allo scadere Berti ci porta al riposo lungo in vantaggio (37-39).

Nella ripresa prevale l’equilibrio, anche se Bernardi è sempre più scatenato. La gara resta in bilico fino al 35’ (69-69); qui, infatti, subiamo un break (11-3) e noi invece di penetrare cercando di andare in lunetta e recuperare spariamo dalla linea dei tre punti senza concludere nulla.

Torniamo a casa sapendo che non abbiamo fatto il nostro dovere e non abbiamo difeso come saremmo stati in grado di difendere. Abbiamo subito 50 punti da due giocatori, ma sappiamo anche che fino ad ora abbiamo fatto delle buone cose e che una giornata storta può anche starci. Dovremo rifarci sabato prossimo quando affronteremo in casa il fanalino di coda Virtus Lido, senza prendere la partita sotto gamba. Perché questi sono in genere gli incroci più pericolosi.

(m.p.)

 

VIRTUS ALTO GARDA – ALBIGNASEGO BASKET 80-72

VIRTUS ALTO GARDA: Hainzl n.e., Nardini 18, Pace, Trivarelli 3, Egidi n.e., Madella n.e., Tobaldi 8, Maci, Lovisotto 10, Bernardi 32, Pastori 9. All. Gabrielli.

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi n.e., Berto 13, Nanti M. 12, Paccagnella n.e., Livio 11, Fabian 2, Berti 14, Gallocchio 8, Vigna 8, Vizzotto 4. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Peretti di Verona e Maculan di Grumolo delle Abbadesse (Vi).

Note: progressivi: 22-10, 37-39, 60-60; tiri liberi: Alto Garda 20/30, Albignasego 12/18; tiri da tre: Alto Garda 8 (Nardini, Trivarelli, Tobaldi 2, Lovisotto, Bernardi 3), Albignasego 9 (Berto 2, Berti 4, Gallocchio 2, Vizzotto); falli di squadra: Alto Garda 21, Albignasego 24; usciti per 5 falli: Nanti M. e Vigna.

Albignasego scatenato: Virtus Lido colpita e affondata

Albignasego (nella foto di Giovanni Bevilacqua D’Ambrosi, Alberto Livio) inanella la quarta vittoria consecutiva travolgendo la Virtus Lido e per la terza volta in quattro giornate supera quota 90 punti segnati. Ancora costretta a rinunciare a Marco Nanti in cabina di regia, la truppa giallonera continua a beneficiare della vena della sua pattuglia di esterni con Berto, Berti e Gallocchio sugli scudi. In doppia cifra anche Francesco Nanti e Vigna.

Al Lido di Venezia, gli ospiti hanno messo subito il naso avanti nel primo quarto (20-27), dilatando il margine oltre le 20 lunghezze già all’intervallo lungo (34-55). Nella seconda metà di gara, però, Nanti e compagni non si accontentavano di gestire dilagando fino al +29 alla fine del terzo parziale (48-77). L’ultimo quarto diventava utile soltanto a fini statistici e per rimpinguare il bottino personale. Sabato prossimo, ore 18.30, al Pala Gazzabin, Albignasego dovrà testare un banco di prova importante contro la Vigor Conegliano.

 

VIRTUS LIDO – ALBIGNASEGO BASKET 65-92

VIRTUS LIDO: Ragazzi A. 7, Marzaro 2, Pasqualetto 3, Ragazzi G. 21, Vianello 7, Ramazzotto, Stefani, Salerno 4, Carrer 2, Mazzarolo 6, Ciulu 9, Marella F. 4. All. Marella M.

ALBIGNASEGO BASKET: Belinazzi 4, Berto 17, Paccagnella, Nanti F. 14, Livio 6, Fabian 2, Berti 14, Gallocchio 11, Vigna 16, Vizzotto 8. All. Benetollo, viceall. Gabaldo.

Arbitri: Dal Bello di Castello di Godego (Tv) e Gavagnin di Marcon (Ve).

Note: progressivi: 20-27, 34-55, 48-77; tiri liberi: Lido 11/26, Albignasego 4/7; tiri da tre: Lido 4 (Ragazzi A., Pasqualetto, Ragazzi G., Vianello), Albignasego 14 (Berto 3, Nanti F. 2, Berti 4, Gallocchio 3, Vizzotto 2).

Ultima giornata: sabato, alle 20.30, i gialloneri attendono Murano

Giunti all’ultima giornata della stagione regolare di C Silver permane ancora l’incertezza sul tabellone playoff definitivo. Tolto lo Jesolo, promosso in C Gold, e la Cestistica Verona matematicamente certa della piazza d’onore, il gradino più basso del podio se lo contendono Virtus Murano (46) e Litorale Nord (44), mentre lo Sportschool Dueville è ormai sicuro del quinto posto. Resta ancora aperta invece la lotta per la sesta posizione con tre squadre in lizza: Resana (30), Albignasego (28) e Benetton Treviso (28), che nel recupero infrasettimanale ha schiantato la Virtus Lido (86-55) agganciando e al tempo stesso scavalcando i gialloneri per effetto del doppio confronto. La medesima situazione si presenta per la nona casella con il trio formato da Europa Bolzano, Roncade e Cus Trento (tutte a pari merito a quota 24 punti), alla ricerca dell’ultimo pass utile per i playoff.

Come anticipato, le partite del turno conclusivo verranno disputate sabato sera in simultanea alle 20.30, con il match dell Pala Gazzabin, che vedrà i gialloneri opposti al Murano. All’andata, furono i veneziani a imporsi nettamente contro un Albignasego a ranghi ridotti, orfano di Livio, Francesco e Marco Nanti (76-58). «È una delle neopromosse, che ha fatto meglio in questo campionato – sottolinea coach Maurizio Benetollo (foto) – Murano verrà qui ad Albignasego per difendere il terzo posto. Incontreremo un’avversaria dotata di grande qualità e velocità sugli esterni. In cabina di regia può alternare Zorzi e Pranzo, arrivato con il mercatino invernale dal Mirano. Il reparto è completato dagli ex Lido, Frison, Nicolò Vianello e Saoner, giocatore di notevole talento. In area, invece, dispone di un centro di stazza come Leyba Marine, a cui si aggiungono Parisatti e l’esperto ex Roncade Sartor con alle spalle campionati di categoria superiore. Il nostro compito sarà quello di giocare con grande intensità per provare a conquistare la vittoria. Per il sesto posto, però, non dipenderà soltanto da noi».

Lotta aperta per il sesto posto playoff: sabato Albignasego è in missione a Jesolo

Dopo aver agganciato aritmeticamente i playoff, Albignasego (nella foto Francesco Nanti) deve ora salvaguardare il sesto posto. Appaiati in classifica a Resana, i gialloneri precedono virtualmente i trevigiani per effetto degli scontri diretti favorevoli, ma il calendario delle ultime due giornate di regular season si presenta decisamente difficile per i ragazzi di Maurizio Benetollo, chiamati ad affrontare una proibitiva trasferta a Jesolo e ospitare infine Murano. Resana riceverà invece un Solesino già retrocesso per poi chiudere a Cittadella. La lotta per la sesta posizione vede coinvolta anche la Benetton Treviso, attardata di 4 lunghezze dal tandem Albignasego-Resana, ma con una partita casalinga da recuperare mercoledì 27 aprile contro la Virtus Lido. Prima e dopo il recupero infrasettimanale, i giovani verdi trevigiani saranno impegnati in questo weekend a Roncade e in seguito alla Ghirada contro Bolzano.

Intanto, sabato sera alle 20.30, Albignasego dovrà compiere una vera e propria impresa per battere la corazzata Jesolo, ancora imbattuta tra le mura amiche del Pala Cornaro. Neopromossa in C Gold, dopo essere stata ammessa in estate dalla D Regionale, la formazione lagunare ha perso soltanto due gare nel corso del suo trionfale campionato. L’ultimo ko è maturato proprio sabato scorso a Mirano (74-71) nella tredicesima giornata di ritorno, interrompendo una lunga serie di vittorie iniziata proprio dalla tredicesima d’andata con i miranesi. In occasione del match con gli albignaseghesi, la società presieduta da Ugo Cavallin ha intenzione di festeggiare ancora una volta la promozione davanti ai propri tifosi. Starà ad Albignasego riuscire nell’intento di guastarle la festa.

Sabato l’Albignasego visita il fanalino di coda Castelfranco

L’affermazione nel derby con Solesino ha rilanciato la corsa playoff dell’Albignasego, ma giunti alla stretta finale del campionato i gialloneri sono ora chiamati a profondere il massimo sforzo. Resta da disputare l’ultimo quinto della stagione regolare e sabato sera, alle 21, nella decima giornata della C Silver, i ragazzi di Benetollo visitano il campo del fanalino di coda Castelfranco Veneto.

Rispetto all’andata (76-57), sono avvenuti alcuni cambiamenti in seno alla formazione trevigiana. Primo fra tutti, l’avvicendamento in panchina che lo scorso gennaio ha promosso Carlo Corazza, da secondo a capoallenatore, in luogo di Fabio Ussaggi, che ha lasciato la squadra di comune accordo con la società castellana per tentare d’imprimere una sferzata. A salutare la città murata è stato in seguito anche uno dei giocatori più rappresentativi: il play-guardia Michele Pozzebon, accasatosi a Mestre in C Gold.

Coach Corazza, che aveva già guidato Castelfranco conducendolo alla promozione in C Regionale qualche stagione fa, è riuscito a rinfocolare le speranze di agganciare la zona playout, ma non tanto da consentire ai trevigiani di abbandonare l’ultimo posto. Dal suo subentro in panca sono arrivate tre vittorie in questo girone di ritorno, contro Dueville (78-71), Resana (68-78) e Virtus Lido (76-90), prima di una cocente sconfitta nello scontro diretto di sabato scorso a Mirano (71-70).

Per Nanti e soci, la trasferta di Castelfranco rappresenta un’occasione per incamerare altri punti preziosi per la sesta posizione playoff. A patto però di non sottovalutare un impegno che potrebbe rivelarsi molto insidioso.

Albignasego ancora al Pala San Lorenzo per il derby con Solesino

Per la seconda settimana consecutiva, l’Albignasego (in foto Marcello Berti) scende in campo al Pala San Lorenzo. Davanti ai propri sostenitori, sabato, alle 18.30, i gialloneri dovranno interrompere una striscia negativa lunga tre giornate nell’incrocio tutto padovano con i cugini del Solesino. Da un derby all’altro: l’ultima vittoria in ordine cronologico dei ragazzi di Benetollo risale infatti proprio al derby di Cittadella dello scorso 13 febbraio. Dall’affermazione nella città murata, è iniziata la discesa albignaseghese coincisa con tre battute d’arresto consecutive (due delle quali in casa) rimediate con Virtus Lido (73-78), Litorale Nord (71-61) e Mirano (52-58). Limitato da infortuni e acciacchi di vario tipo, che hanno colpito diversi elementi del quintetto base (su tutti i lunghi Nanti e Livio), Albignasego dovrà ora riuscire a ricompattarsi, superando le difficoltà dell’ultimo mese contro un’avversaria alla disperata ricerca di un successo scaccia-crisi.

QUI SOLESINO. Reduce da sette stop di fila, anche Solesino non vince dal derby di Cittadella (57-60), disputato a inizio gennaio. Era la prima giornata di ritorno della C Silver e da quel momento la buona sorte non ha più arriso alla formazione di Maurizio Ventura, che ha perso quasi tutti i restanti confronti sempre per un’inezia. Domenica scorsa è arrivato l’ultimo beffardo ko con lo Sportschoool Dueville, maturato al termine di una gara condotta fino all’ultimo minuto (75-76). Nonostante il filotto di sconfitte, la squadra gialloblù ha però dimostrato di possedere buone qualità all’interno proprio roster. Soprattutto sugli esterni, dove operano con profitto le guardie Diego Fiorin, Nicola Braggion e Luca Vit, miglior marcatore solesinese. Nel pitturato, invece, agisce il cubano Osniel Carol Menendez, che fa quasi reparto da solo assistito dai giovani Giulio Gasparetto e Davide Serain.

QUI ALBIGNASEGO. In settimana, i gialloneri hanno sostenuto uno scrimmage contro il Roncaglia (girone Verde, serie D). Vizzotto e soci si sono imposti per 65-47 sul gruppo, composto dagli ex Penso, Rizzi, Taffara e Navaglia. Parziali e progressivi: 20-14, 12-11 (32-25), 24-10 (56-35), 9-12 (65-47).

Sabato i gialloneri ricevono un Mirano rigenerato

Reduce da un doppio stop con Virtus Lido e Litorale Nord, Albignasego è chiamato a riprendere la propria rincorsa verso i playoff. Sabato, alle 18.30, i gialloneri attendono al Pala San Lorenzo il Mirano. Penultima in classifica, nelle ultime settimane la formazione veneziana ha dimostrato di credere ancora fortemente nella salvezza. Dopo aver sfiorato la vittoria nel derby con il Lido a Venezia (86-85), i ragazzi di Dino Girotto hanno svoltato, inanellando tra le mura amiche due successi consecutivi contro il Litorale (69-63) e Solesino (87-59), che ne hanno rilanciato le (lecite) ambizioni di salvezza.

Distante soli due punti dai playout, Casarin e soci verranno ad Albignasego per cercare di prolungare la striscia positiva. La svolta positiva del Mirano è in parte coincisa con l’arrivo a gennaio di Stefano Mihalic, playmaker dell’Under 19 Eccellenza della Reyer Venezia (reduce da un’annata in serie B alla Virtus Fondi), che ha recepito la chiamata del presidente-giocatore Federico Casarin. Con il suo subentro in cabina di regia al posto di Gianluca Pranzo, la squadra miranese pare abbia individuato la quadra del cerchio, trovando un maggior apporto anche nel gioco esterno-interno di Jacopo Tasca e Filippo Serena, due lunghi atipici e mobili, che rappresentano i suoi principali finalizzatori.

Per l’Albignasego (in foto Marco Nanti), che la scorsa giornata ha ritrovato esplosività a rimbalzo e atletismo sotto i tabelloni grazie al rientro di Livio, un banco di prova sicuramente molto insidioso contro un’avversaria molto pericolosa e alla disperata ricerca di punti per levarsi dalle sabbie mobili della zona retrocessione.

Arbitrano Marco Montagnoli di Cologna Veneta (Vr) e Scandaletti di Padova.

Albignasego bruciato dalla Virtus Lido

L’Albignasego spreca una ghiotta occasione per muovere ancora la propria classifica, venendo bruciato dalla Virtus Lido dopo un match condotto per 37’. Avanti di 4-5 lunghezze per l’intero incontro, i gialloneri hanno subìto aggancio e sorpasso da parte dei veneziani a 3’ dallo scadere, pagando nel complesso soprattutto lo scotto di una serata storta dalla linea della carità (9/24 ai liberi). A pesare sull’economia della gara, però, sono state anche le assenze dei due lunghi Livio e Francesco Nanti, rimasti ai box per i soliti problemi alla schiena. Il primo ha guardato i compagni dalla tribuna, l’altro si è accomodato in panchina soltanto per onor di firma. A questi si è poi aggiunta la defezione di Marco Nanti, anch’egli fermato da problemi muscolari. Ancora una volta, coach Benetollo è stato quindi costretto a “snaturare” la squadra utilizzando Vizzotto nel ruolo di “4” per poi affidarsi al duo Rizzi-Fabian sotto le plance, ma a lungo termine le rotazioni corte e la stanchezza hanno prevalso, favorendo il gioco perimetrale dei piccoli ospiti.

Nel primo tempo, la mossa del tecnico albignaseghese sembrava pagare i suoi dividendi: nel secondo quarto, i padroni di casa, ispirati nel tiro dalla distanza (12 triple), agguantavano anche le 10 lunghezze di vantaggio. Dopo qualche libero non concretizzato, però, Vizzotto e compagni andavano al riposo lungo ancora sul +4 (44-40). Al rientro sul parquet, Lido non mollava mai la presa, restando aggrappato all’incontro anche nel terzo periodo (63-58).

Nella frazione conclusiva, era la maledizione dalla lunetta a condannare Albignasego (1/5 in totale). Bonivento, invece, si dimostrava implacabile al tiro da fermo (5/6 negli ultimi 10’ e 7/8 nei 40’) permettendo ai suoi di impattare e sorpassare. Sotto di 5 punti (70-75) a 40’’ dalla sirena, la bomba di Roin riportava i gialloneri sotto di un possesso (73-75). In seguito, Berti spendeva subito il fallo, spedendo in lunetta proprio Bonivento, che non falliva, regalando ai veneziani la vittoria.

Domenica prossima, alle 18, i ragazzi di Benetollo (foto) dovranno provare a rifarsi contro un’altra compagine lagunare, visitando il proibitivo campo del Litorale Nord a Cavallino Treporti.

 

ALBIGNASEGO BASKET – VIRTUS LIDO 73-78

ALBIGNASEGO BASKET: Nanti M. n.e., Nanti N. 12, Roin 21, Paccagnella n.e, Rizzi 7, Nanti F. n.e., Fabian 7, Vieno, Berti 17, Gallocchio, Vizzotto 9. All. Benetolllo, viceall. Gabaldo.

VIRTUS LIDO: Cipolato 18, Rosada 12, Pezzuti n.e., Vianello 3, Pinzan 4, Salerno, Mazzarolo 3, Vecchiato 6, Zanatta 15, Bonivento 18, Massini. All. Giangaspero.

Arbitri: Pellizzon di Noale (Ve) e Niero di Borgoricco (Pd).

Note: parziali: 22-18, 44-40, 63-58; tiri liberi: Albignasego 9/24, Lido 12/20; tiri da tre: Albignasego 12 (Nanti N. 2, Roin 4, Berti  3, Vizzotto 3), Lido 7 (Vianello, Mazzarolo, Vecchiato, Zanatta, Bonivento 3).

I gialloneri tentano l’allungo con Lido

Sull’onda della vittoria nel derby di Cittadella, l’Albignasego Basket (nella foto Marcello Berti) potrà ora provare a sfruttare un nuovo impegno casalingo per allungare il passo in classifica. Sabato, alle 18.30, i gialloneri ricevono al Pala San Lorenzo la Virtus Lido. All’andata, la formazione lagunare si impose su Nanti e compagni, al termine di un match molto combattuto, deciso soltanto dopo un tempo supplementare (81-78). All’overtime, i ragazzi di coach Giangaspero sono riusciti a spuntarla anche nell’ultimo turno di campionato, regolando di misura Mirano tra le mura amiche del Pala Olivi (86-85). Ben cinque gli uomini in doppia cifra tra i veneziani: Cipolato (15), Rosada (15), Mazzarolo (18), Zanatta (18) e Bonivento (15).

L’AVVERSARIA. Squadra molto pericolosa dal perimetro, ma non profondissima, la Virtus Lido ha perso terreno cammin facendo dalle primissime posizioni. Qualche episodio sfortunato e alcune gare girate male, l’hanno fatta scivolare ai margini della zona playout. Il roster, però, specie sugli esterni, vale i playoff con l’eccellente duo di tiratori Bonivento-Zanatta una spanna sopra tutti. Sul quintetto lidense, si può quindi scommettere per un finale di stagione in crescendo. Nel frattempo, però, Albignasego dovrà far rispettare il fattore campo per tenere il ruolino di marcia delle ultime giornate e continuare a visualizzare nel mirino il quinto posto di Dueville.

Arbitrano Andrea Pellizzon di Noale (Ve) e Andrea Niero di Borgoricco (Pd).